Politica

Colli Mab Unesco, il presidente del Parco Frizzarin: «Premiato rapporto equilibrato tra uomo e natura»

Il riconoscimento, la proclamazione questa mattina, durante i lavori della 36^ Sessione dell’International Coordinating Council of the Man and the Biosphere (MAB) Programme ad Agadir (Marocco), segna un punto importante per la storia del Parco dei Colli Euganei

Una giornata storica per tutto il territorio euganeo. Quanto accaduto questa mattina, durante i lavori della 36^ Sessione dell’International Coordinating Council of the Man and the Biosphere (MAB) Programme ad Agadir (Marocco) segna un punto importante per la storia del Parco dei Colli Euganei. Il momento clou quando è stata ufficialmente proclamata la Riserva della Biosfera "Colli Euganei" all’interno del programma MAB UNESCO.

La candidatura dei Colli Euganei, coordinata dall’Ente Parco Colli Euganei, è stata riconosciuta per il suo eccezionale valore naturale e culturale, nonché per l'impegno dimostrato nella promozione di pratiche di sviluppo sostenibile che rispettano e valorizzano le risorse ambientali locali. La cerimonia di proclamazione ha visto la partecipazione di Cristiano Corazzari, assessore regionale al Territorio, Cultura e  Parchi del Veneto, in rappresentanza della Regione del Veneto, ha collaborato attivamente per il raggiungimento di questo obiettivo: “Festeggiamo oggi questo riconoscimento, che se da un lato consacra la bellezza del patrimonio naturalistico e paesaggistico dei Colli Euganei, dall’altro ci ricorda che il risultato è frutto di un impegno nella tutela di questo splendido territorio di cui la Regione del Veneto è stata attore protagonista fin dal 1971 quando, con legge regionale, sono state approvate le prime norme per la tutela naturalistica e ambientale dei Colli Euganei. Fondamentale è stata poi l’istituzione sempre con legge regionale del Parco Regionale dei Colli Euganei, soggetto che lo scorso aprile è diventato Ente gestore del sito della rete Natura 2000. Ringrazio il residente del Parco Colli Alessandro Frizzarin, ente proponente della candidatura per l’importante lavoro svolto, e tutti i soggetti che hanno creduto in questo progetto, raccontando al mondo l’unicità del territorio dei nostri Colli Euganei, area che vanta un ricco patrimonio naturale e culturale legato alla sua storia vulcanica e alle sue acque termali».

«L’inclusione nel programma MAB UNESCO offrirà nuove opportunità di innovazione ecosostenibile, rafforzando le iniziative a favore della conservazione del patrimonio naturale e culturale, e permetterà ai Colli Euganei di unirsi alle altre Riserve della Biosfera nel mondo, inserendosi in un network mondiale impegnato nella tutela dell’ambiente e nella promozione di un futuro sostenibile», come sostiene Alessandro Frizzarin, presidente del Parco regionale dei Colli Euganei: «Questo prestigioso riconoscimento è il giusto tributo alle straordinarie bellezze naturali, paesaggistiche, storico-culturali e alla incredibile biodiversità che caratterizzano il nostro territorio dei “Colli Euganei”, nonché alla dedizione e all'impegno di tutti coloro che hanno lavorato instancabilmente per proteggere e valorizzarne le peculiarità. L'inclusione dei Colli Euganei nella rete globale MAB UNESCO rappresenta un’opportunità unica per la nostra comunità e per il nostro territorio, perché da oggi il territorio dei Colli Euganei non solo sarà riconosciuto per la sua spiccata valenza ecosistemica e di biodiversità, per il suo valore ambientale e naturale, ma anche per la sua capacità di integrare armoniosamente la presenza umana con lo sviluppo sostenibile dei territori, in un rapporto equilibrato tra uomo e natura, migliorando così le interazioni tra le persone e l’ambiente in cui vivono. Come Parco Regionale dei Colli Euganei, con il prezioso supporto della Regione del Veneto, dei cittadini e delle Amministrazioni dei quindici Comuni che lo compongono, delle categorie economiche, dei portatori di interessi e delle associazioni presenti nel territorio, lavoreremo ancor più intensamente per preservare e valorizzare l’unicità dei Colli Euganei, promuovendo pratiche sostenibili e incentivando un turismo responsabile, anche grazie all’applicazione della Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS) di cui siamo dotati, affinché le future generazioni possano continuare a godere di questo meraviglioso patrimonio».

La presentazione del dossier di candidatura è stata possibile grazie al supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, che partecipa con orgoglio al successo odierno tramite le parole del presidente Gilberto Muraro: «Oggi è il tempo della soddisfazione, per un riconoscimento che ci riempie di orgoglio e che arriva dopo un lungo lavoro di preparazione. Abbiamo scelto di sostenere la candidatura dell’area dei Colli Euganei a Riserva della Biosfera MAB UNESCO, convinti che si tratti di una significativa opportunità di sviluppo sostenibile e di valorizzazione di questo territorio, con ricadute importanti anche sulla qualità di vita delle comunità che lo abitano e che lo abiteranno. Ne abbiamo avuto una prova tangibile accompagnando verso il medesimo obiettivo un'altra meravigliosa area della nostra regione: mi riferisco al Parco del Delta del Po, che dal 2015 può fregiarsi del prestigioso titolo assegnato dall’Unesco e, soprattutto, può godere dei benefici che genera e che continuerà a generare nel tempo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colli Mab Unesco, il presidente del Parco Frizzarin: «Premiato rapporto equilibrato tra uomo e natura»
PadovaOggi è in caricamento