rotate-mobile
Politica

I consiglieri comunali chiedono l'aumento del gettone di presenza. A Padova tra i più bassi d'Italia

Ad inviare una lettera ai parlamentari padovani è stato il presidente del Consiglio comunale Antonio Foresta. Nella città del Santo si paga 45,90 euro lorde a seduta. A Verona 150 e a Treviso 92

I consiglieri comunali padovani chiedono l'aumento del gettone di presenza. Fermo dal 2005 a 45,90 euro lorde (versato per ogni presenza alle sedute e alle commissioni), l'indennità prevista a Padova è molto più bassa di quella di altri Comuni italiani e veneti. A Verona è di 150 euro, mentre a Treviso di 92,96 (con un terzo degli abitanti). Per questo, il presidente del Consiglio comunale Antonio Foresta si è fatto carico della richiesta proveninte da tutti i capigruppo - maggioranza e minoranza - e ha scritto una lettera a tutti i parlamentari eletti nel collegio di Padova, chiedendo di intercedere a Roma affinché possano essere riequilibrate e revisionate le cifre destinate ai consiglieri.

La richiesta

«Come da richiesta pervenuta dai signori capigruppo dei gruppi consiliari di maggioranza e di minoranza del Consiglio comunale di Padova che rappresento - si legge nella lettera - mi pregio inoltrare l’allegata proposta per una vostra cortese valutazione in merito al riordino delle indennità dei consiglieri comunali, con l’auspicio che si possa tenere conto di quanto richiesto» chiude. Foresta nella lettera cita diverse leggi, tra cui quella che recentemente ha portato all'aumento degli stipendi di sindaci e assessori di tutti i Comuni. Entro il 2024 la loro indennità salirà dell'80 per cento, ed è su questo che ha puntato Foresta nella richiesta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I consiglieri comunali chiedono l'aumento del gettone di presenza. A Padova tra i più bassi d'Italia

PadovaOggi è in caricamento