menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Navigli, tra Contin e Bressa scocca la "pax giordaniana": Appe: "Troppi cambi di date, siamo disorientati"

 "Avevo perso un po' la vena della serenità quando ho parlato di dimissioni di Bressa - spiega Contin - ma non ce l'ho assolutamente con Bressa. Oggi ci siamo chiariti" 

Sindaco Giordani e assessore Bressa hanno incontrato a Palazzo Moroni i rappresentanti di Appe e successivamente il patron dei Navigli, Chicco Contin. E' stata trovata una soluzione dopo le feroci polemiche dei giorni scorsi, quando dopo l'annuncio del prolungarsi della stagione dei Navigli, c'è stata la reazione contrariata di Appe e dopo il negato permesso a Contin, la reazione dura dello stesso. Contin è arrivato a chiedere le dimissioni di Bressa. 

La risolve Giordani

Arrivano tutti e tre insieme. Entrano sorridenti in sala stampa il sindaco Sergio Giordani, l'assessore Antonio Bressa e il patron dei Navigli, Chicco Contin. Il sindaco affronta la faccenda e stoppa le polemiche con la sua arma preferita, l'ironia: "Contin voleva le mie dimissioni, non quelle di Bressa. Dai, scherzi a parte siamo riusciti a trovare una soluzione con la promessa che il prossimo anno agiremo in maniera ancora più coordinata per evitare sorprese. Abbiamo quindi concordato con Appe che ai Navigli ci sarà un prolungamento limitato, dal 19 settembre al 13 ottobre. Oktoberfest, folk festival e festa del vino ci saranno, quindi. Contin avrebbe voluto voluto continuare fino al 31 ottobre, ma abbiamo trovato questa soluzione". Chiediamo quindi a Contin, che gli sta a fianco, che ne pensa di questo accordo: "Siamo soddisfatti, ieri è stata una giornata molta calda. Manca Halloween e ci dispiace ma per il resto è la soluzione migliore". La richiesta di dimissioni di Bressa? Rientrata? "Avevo perso un po' la vena della serenità - spiega Contin - ma non ce l'ho assolutamente con Bressa. Oggi infatti ci siamo chiariti". 

Bressa

"Noi - ha spiegato l'assessore al commercio - abbiamo incontrato l'Appe questa mattina. Ci hanno ribadito le loro idee rispetto alla questione. Abbiamo condiviso il fatto che il prossimo anno faremo una concertazione per tempo. Abbiamo anche concordato con loro di concedere una tempistica ridotta ai Navigli. Appe auspicava che non gli fosse concessa ma hanno compreso che andava anche rispettato l'impegno economico già messo in campo da parte dall'organizzazione dei Navigli. Abbiamo chiesto un po' di pazienza ad Appe e quindi abbiamo deciso di accordare un tempo che è quello necessario per dare una prospettiva di sostenibilità economica all'iniziativa". 

Appe

Appe insiste sul fatto che "il bando è chiaro nei suoi termini, l'attività ai Navigli deve essere solo in estate. Dal primo settembre si rimette in moto il motore della città, quelle iniziative danneggiano chi opera in centro. Sindaco e assessore sanno qual'è la nostra posizione. Questo tira-molla dell'Amministrazione Comunale ci disorienta". Questo il commento “a caldo” dell’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi (APPE) di Padova, che rappresenta in provincia di Padova circa 1.400 pubblici esercizi, di cui quasi la metà nel solo Comune di Padova, riguardo al presunto prolungamento dell’autorizzazione ai Navigli, con un ulteriore cambio di date. "Abbiamo avuto un incontro con Sindaco Giordani e Assessore Bressa, ai quali abbiamo fatto presente che i Navigli sono un evento estivo così come scritto a chiare lettere nel bando emesso a gennaio: un’eventuale deroga può eventualmente essere concessa entro e non oltre fine settembre". Pochi minuti dopo la fine dell’incontro con i rappresentanti di APPE, Sindaco e Assessore avrebbero incontrato i rappresentanti dei Navigli, con i quali sarebbero state concordate durate ben diverse: da metà settembre a metà ottobre. "Siamo increduli e disorientati – fanno sapere dall’APPE – perché non riusciamo a capire cosa spinge questa Amministrazione a cambiare continuamente e repentinamente idea, preferendo un’iniziativa privata temporanea che danneggia un’intera categoria, mentre gli esercenti danno un servizio alla città tutto l’anno. A questo punto sarà proposto anche un Naviglio natalizio, con le casette addobbate a festa e Babbo Natale?".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento