Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Bui: «Covid-19 ha cambiato brutalmente le nostre vite, speriamo di tornare presto alla normalità»

«Affido ai nostri giovani le speranze dell’intera comunità della Provincia di Padova: quando tutto questo sarà finito, avrete il compito di colorare nuovamente la vita di tutti noi»

«Quest’anno ci troviamo a vivere una Pasqua diversa da quelle gioiose a cui siamo abituati: non ci saranno condivisione e serenità, elementi fondamentali per festeggiare davvero». Fabio Bui, presidente della Provincia di Padova, ha voluto affidare a una lettera aperta il proprio pensiero sull'imminente festività pasquale in relazione all'emergenza Coronavirus.

Pasqua

Prosegue Bui: «Ci auguriamo che presto la situazione difficile che stiamo vivendo diventi un brutto ricordo, ma siamo consapevoli che la pandemia da Covid-19 ha cambiato le nostre vite brutalmente. In questa situazione di crisi e tristezza, Vi invito a non dimenticare che Pasqua è il simbolo per eccellenza del rinnovamento, della rinascita: in questa giornata si festeggia la vita che sconfigge la morte, la luce che vince il buio. Ed è proprio questo il mio augurio: che la luce possa presto tornare a riempire le nostre vite e la nostra quotidianità, che la speranza del ritorno alla normalità si trasformi velocemente in certezza. Permettetemi un augurio pieno di gratitudine a chi sta combattendo in prima linea questa guerra e a chi continuando a lavorare garantisce i servizi essenziali. Voglio dedicare un pensiero speciale alle persone che purtroppo, a causa del virus, non ci sono più e ai loro familiari che non hanno potuto dire loro addio. Affido ai nostri giovani le speranze dell’intera comunità della Provincia di Padova: quando tutto questo sarà finito, avrete il compito di colorare nuovamente la vita di tutti noi. Il mio augurio è che la trepidazione che stiamo vivendo si trasformi presto in gioia e serenità. Buona Pasqua».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bui: «Covid-19 ha cambiato brutalmente le nostre vite, speriamo di tornare presto alla normalità»

PadovaOggi è in caricamento