Coronavirus, le misure attivate a Padova per i dipendenti comunali

Spiega l'assessora alle risorse umane Francesca Benciolini: «Fin da subito ci siamo attivati per gestire al meglio l’emergenza del nuovo coronavirus attivandoci a 360 gradi»

L'emergenza Coronavirus ha portato anche a Padova all'attivazione di adeguate misure preventive per tutti i dipendenti comunali.

Francesca Benciolini

Spiega l'assessora alle risorse umane Francesca Benciolini: «Fin da subito ci siamo attivati per gestire al meglio l’emergenza del nuovo coronavirus attivandoci a 360 gradi. Già con l’informativa del 12 febbraio sono state date a tutto il personale dipendente le prime necessarie informazioni in merito al diffondersi del virus e nel contempo si è provveduto all'integrazione del Documento di Valutazione dei Rischi in relazione al particolare rischio biologico emergente. All’evolversi dei fatti, con i primi contagi in Italia, sono stati incontrati tutti i dirigenti e successivamente è stata loro diffusa una nota contenente tutte le disposizioni per i lavoratori, con particolare riferimento alle modalità di interazione con l’utenza. Dal 22 febbraio striamo distribuendo gel disinfettante a tutto il personale e mascherine a chi è stato valutato particolarmente a rischio. Abbiamo quindi da subito agito in modo da poter garantire la sicurezza di dipendenti e utenti senza creare allarmismi. Il 25 febbraio è finalmente uscita un’attesa direttiva ministeriale grazie alla quale possiamo adottare con facilità modalità di lavoro flessibile per alcune categorie come ad esempio i lavoratori portatori di determinate patologie, i lavoratori che si avvalgono del trasporto pubblico per raggiungere la sede di lavoro e i lavoratori su cui grava la cura dei figli, a seguito della chiusura di scuole dell'infanzia e asili nido. Stiamo in queste ore valutando con i dirigenti di tutti i settori quali siano le situazioni sulle quali è possibile attivarle, e rimaniamo in attesa di capire se le scuole verranno riaperte dalla prossima settimana. Attualmente i lavoratori del Comune di Padova in telelavoro sono 9; la procedura di attivazione normalmente è molto lunga, grazie a questa direttiva è possibile ottenerlo con molta più facilità fino al 15 di marzo, e crediamo questa sia un’occasione per favorirlo e sperimentarlo ulteriormente. Oggi con il Sindaco Sergio Giordani abbiamo scritto una lettera a tutti i collaboratori e le collaboratrici del Comune di Padova, per ribadire che stiamo seguendo con attenzione ogni evoluzione della situazione e stiamo mettendo in atto quanto più possibile per garantire allo stesso tempo la sicurezza di tutte e tutti e il normale svolgersi della quotidianità. Anche se le precauzioni che stiamo adottando sembrano mettere distanza tra le persone, saranno la nostra capacità di costruire legami, di superare le diffidenze, di sostenerci l’uno con l’altra che ci aiuteranno ad uscire da questi giorni confusi e complessi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La lettera

Di seguito il testo della lettera inviata a tutti i dipendenti comunali: «Care e cari Collaboratori del nostro Comune, in questi giorni sentiamo tutti la responsabilità di una situazione per noi nuova, all’interno della quale ci viene chiesto di continuare a dare il nostro servizio alla città facendo, come sempre, del nostro meglio. Fondamentale in questo momento è presidiare gli importantissimi aspetti tecnici legati alla protezione della salute di ciascuno: di questo il nostro ufficio Prevenzione e Protezione si è occupato fin dalle scorse settimane e, in stretta collaborazione con il Direttore Generale e i Dirigenti, sta mettendo in atto tutte le misure necessarie. In questo scenario vi scriviamo per dirvi che stiamo seguendo con attenzione ogni evoluzione della situazione e mettendo in atto quanto possibile per tutelare la salute vostra e di tutti i cittadini e le cittadine, cercando di garantire nei limiti del possibile, il normale svolgersi della quotidianità. Siamo un punto di riferimento per la città: possa il nostro lavoro continuare con lo spirito di servizio e di attenzione per ogni abitante del nostro territorio che si rivolge a noi, sapendo che tanto più una comunità è coesa, tanto più è capace di superare le difficoltà. Il Sindaco Sergio Giordani, l'Assessora alle Risorse Umane Francesca Benciolini».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • Incidente a Legnaro, investito un pedone sulle strisce: portato in ospedale con codice rosso

  • Coronavirus, Zaia: «La situazione di oggi è sopportabile, quella di domani non lo so»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e nel Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento