Coronavirus, i parlamentari della Lega: «Sì alle proposte delle categorie economiche padovane»

«Condividiamo con l’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi e Confcommercio di Padova e le altre associazioni di categoria la preoccupazione per il destino dei pubblici esercizi, delle imprese, dei lavoratori e del tessuto economico tutto della nostra provincia, chiamati a fronteggiare un’emergenza senza precedenti»

Andrea Ostellari e Massimo Bitonci

«Condividiamo con l’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi e Confcommercio di Padova e le altre associazioni di categoria la preoccupazione per il destino dei pubblici esercizi, delle imprese, dei lavoratori e del tessuto economico tutto della nostra provincia, chiamati a fronteggiare un’emergenza senza precedenti». Lo dichiarano in una nota congiunta i parlamentari della Lega Massimo Bitonci, già sottosegretario al Mef, Alberto Stefani e Andrea Ostellari, presidente della commissione Giustizia a Palazzo Madama.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aggiungono Bitonci, Ostellari e Stefani: «Emergenza che obbliga la politica alla massima responsabilità e le istituzioni a risposte altrettanto senza precedenti. Padova e il Veneto non si possono permettere di perdere ciò che li rende grandi: la capacità di intraprendere, la creatività e la dedizione di tanti esercenti, commercianti e lavoratori. Per questo sottoscriviamo, per la parte che riguarda le misure statali, le proposte che Appe, Fipe e Confcommercio Padova ci hanno sottoposto. Proposte che, in gran parte, sono già contenute nel "Piano Emergenza Economica Coronavirus" che la Lega e Matteo Salvini hanno illustrato il 25 febbraio scorso, quali sospensione delle rate dei mutui, cassa integrazione per le piccole imprese, esonero dai versamenti Iva, Irap, Irpef, contributi Inps e anche ripristino della cedolare secca per affitti commerciali e un piano straordinario per commercio e turismo. Bene hanno fatto le associazioni a ricordare che la crisi non ha colore politico. Diamo sin da subito la nostra disponibilità a collaborare, senza preclusioni: bar, ristoranti, negozi e tutte le attività commerciali e produttive non si salvano con le polemiche, ma con i fatti. Noi ci siamo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento