rotate-mobile
Politica

I cortei vietati (forse) da mercoledì 10 novembre

Il Sindaco Giordani e l'assessore alla sicurezza Bonavina: «Evitiamo di vanificare il lavoro e l'impegno del 90% della popolazione. Dobbiamo tutelare la salute pubblica. Una decisione che prenderemo a prescindere dal Governo»

Alla fine la nota è arrivata, ma è quella dell'Ansa, non del Governo. Sembra comunque la conferma che, «da domani saranno vietati i cortei, e questo vale per tutte le manifestazioni non solo per quelle no vax. Continuare così ogni fine settimana, dopo 15 fine settimana, con le città che vengono messe in ginocchio da ogni tipo di protesta. Va bene manifestare ma quando assistiamo a scene come alcune di quelle che abbiamo visto...».  Lo ha dichiarato ai microfoni di Rai Radio1, ospite di `Un giorno da pecora´, il sottosegretario all'Interno,  Carlo Sibilia (M5S). Non c'è quindi ancora l'ufficialità rispetto a questa decisione, restano comunque le parole di un sottosegretario. I dati dei contagiati che aumentano più che i commercianti che si lamentano e che non riescono a lavorare a causa delle chiusure dovute alle manifestazioni, sempre di sabato, sono il pilastro su cui si fonda questa decisione. Ma è innegabile che anche l'accumularsi di episodi, definiamoli così, molto spiacevoli, non ha aiutato la causa No Vax. Saranno comunque vietati tutti i cortei, di ogni tipo. Nessuna restrizione invece per i sit-in. 

«Siamo - conclude - a 15 settimane di fila di cortei con situazioni che sfociano nella cronaca di ogni giorno, creando problemi alla sicurezza pubblica. Mi auguro siano misure momentanee e circoscritte», ha anche aggiunto Sibilia, ma potrebbero essere le parole dell'assessore  del comune di Padova, Diego Bonavina.

L'assessore ha fatto più che intendere che dal Cosp (comitato ordine e sicurezza) si uscirà quasi sicuramente con una decisione che ricalca quelle che sono le anticipazioni del sottosegretario. Questo anche se poi la nota ufficiale, quella del Governo però, non dovesse arrivare. Ancora più netto il Sindaco di Padova, Sergio Giordani: «Alla sicurezza ci pensano Prefetto e Questore, io devo pensare alla salute pubblica». 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I cortei vietati (forse) da mercoledì 10 novembre

PadovaOggi è in caricamento