Politica

Covid e limitazioni: prorogata ordinanza anti fumo. Si annuncia un weekend di controlli

Prorogate al 15 gennaio le ordinanze antifumo e di chiusura alle 18 dei distributori automatici di cibo e bevande. La Polizia Locale presente in forza nel weekend del Ponte per i controlli

L'amministrazione comunale ha comunicato di aver prorogate al 15 gennaio le ordinanze antifumo e di chiusura alle 18 dei distributori automatici di cibo e bevande. La Polizia Locale presente in forza nel weekend del Ponte per i controlli. 

Controlli

In vista delle festività natalizie e anche di questo fine settimana, con il ponte per l’ Immacolata anche il Comune di Padova ha confermato le ordinanze comunali già in vigore che rafforzano le limitazioni introdotte dai decreti della Presidenza del Consiglio. Sono state prorogate al 15 gennaio, infatti sia l’ordinanza che vieta il fumo davanti alle scuole e alle fermate del trasporto pubblico e impone una distanza di tre metri tra un fumatore e le altre persone, e quella che stabilisce la chiusura alle ore 18, come per i bar, dei distributori automatici di cibo e bevande su tutto il territorio comunale.

Multe

La Polizia Locale ha messo a disposizione i dati relativi agli interventi effettuati questa settimana: per quanto riguarda gli esercizi commerciali e pubblici esercizi, quelli oggetto di controllo sono stati 231. In due casi si è intervenuti con chiusure immediate di esercizi commerciali e/o pubblici esercizi per inottemperanza delle norme. I soggetti identificati, anche a seguito di controlli stradali, in questo periodo, sono stati 619. Le violazioni dell'ordinanza sindacale relativa all'obbligo del distanziamento interpersonale fra fumatori e divieto di fumo in alcune aree pubbliche sono stati cinque. Infine, le violazioni per mancato utlizzo della mascherina sono state due. 

Sforzo

«L’errore più grande - sottolinea il Sindaco Giordani - che potremmo fare è far finta di nulla davanti a un dato inequivocabile e che ci deve preoccupare tutti: la pressione della pandemia sulla strutture sanitarie del territorio e della città resta elevata. Lo sforzo dei medici e del personale sanitario è ancora massimo e questo sta a significare che il virus circola in maniera molto significativa. Siamo a rischio tutti, con noi i nostri familiari e in particolare le persone più fragili. Dobbiamo continuare a mantenere alta l’attenzione, nelle strade così come tra le mura domestiche dove uso della mascherina, igiene delle mani, distanziamento e limitazione drastica dei contatti interpersonali restano assolutamente fondamentali».

Covid a Natale

«Queste feste - sottolinea Giordani - saranno diverse e tutti dobbiamo prenderne atto, il Covid 19 non va in vacanza per qualche giorno a Natale e Capodanno, quindi risulta ovvio che purtroppo dobbiamo fare dei sacrifici nonostante questo periodo dell’anno sia caro a ciascuno di noi. Polemiche sulle piste da sci con quasi 1000 morti al giorno sono inopportune. Ristorare i settori colpiti è doveroso, ma la salute pubblica viene prima di tutto: questa resta la via maestra. Ho prorogato fino al 15 gennaio sia l’ordinanza per le limitazioni anti fumo in fase pandemica sia quella che limita gli orari dei distributori automatici di cibo e bevande. Misure di buon senso, su cui non intendo e non avrebbe senso mollare la presa ora. Stiamo anche predisponendo un fine settimana di rigorosi controlli perché il comportamento irresponsabile di pochi non vanifichi gli sforzi di tutti. I padovani ci stanno dando una grande mano col loro comportamento, li ringrazio perché non c’è nessun “liberi tutti” , al contrario dobbiamo consolidare e capitalizzare i risultati ottenuti senza perdere la calma e il buon senso o andiamo verso scenari pericolosi che vanno scongiurati in ogni modo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid e limitazioni: prorogata ordinanza anti fumo. Si annuncia un weekend di controlli

PadovaOggi è in caricamento