menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crocifisso e Ramadan, "Famiglia Cristiana" bacchetta Bitonci

L'inviato veneziano del settimanale cattolico, Alberto Laggia, commenta i recenti provvedimenti e dichiarazioni del nuovo sindaco di Padova: "Non sentiamo proprio il bisogno di questi spot pro-cattolicesimo proselitista"

"Ma le crociate del sindaco leghista sono a favore della Chiesa?". A chiederselo è Alberto Laggia, firma del settimanale cattolico "Famiglia Cristiana", con un articolo che, nel commentare i recenti provvedimenti e dichiarazioni del nuovo primo cittadino di Padova Massimo Bitonci su temi come il divieto di concedere le palestre comunali per celebrazioni come il Ramandan e l'obbligo di affissione del crocifisso in scuole ed edifici pubblici, bacchetta quest'ultimo, presentandolo come "non nuovo a sparate del genere".

"VIP" CONTRO BITONCI: IL FOTOGRAFO OLIVIERO TOSCANI - IL COMICO NATALINO BALASSO - LO PSICHIATRA PAOLO CREPET

SPOT, NO GRAZIE. "In passato se l’è presa coi rumeni tutti ladri - ricorda Laggia - contro la negritudine, i kebabbari, financo i mendicanti [...]  Se voleva rassicurare il suo elettorato e accattivarsi le simpatie di qualche intollerante, l’iniziativa ha avuto successo - continua il giornalista, veneziano - Nutriamo qualche dubbio, invece, che ciò serva davvero a far crescere la coesione di una comunità che accoglie nel suo seno tanti stranieri, anche di fede islamica. [...] Nella provincia di Padova i migranti residenti sono quasi 90 mila, e tra questi non pochi sono seguaci del Corano. Pregano e osservano i dettami della loro fede, proprio come fanno i cristiani praticanti. E se non potranno entrare più in una palestra, quale sistemazione alternativa propone loro? Non lo abbiamo ancora capito. Vogliamo credere che ci stia pensando. [...] Chi non genera comunità, crea il ghetto, signor sindaco. Non ci sono terze vie. Il resto è demagogia di bassa… lega. Il 'bel crocifisso obbligatorio' - continua l'inviato del settimanale - è l’altro cinguettante capolavoro postato da Bitonci. Come se le sorti e la difesa dei valori cristiani, della tradizione, dell’identità culturale occidentale e chi più ne ha più ne metta, fossero davvero affidate alla solidità del chiodo cui è appeso quel simbolo in legno dentro un’aula scolastica o di tribunale. Bastasse questo. [...] In breve - conclude l'autore dell'articolo - non sentiamo proprio il bisogno di questi spot pro-cattolicesimo proselitista, grazie".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento