rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Politica Ospedali / Via Nicolò Giustiniani, 2

Il Direttore Generale dell'Azienda Ospedaliera, Luciano Flor, bacchetta il professor Andrea Crisanti

«Il professore non ha autorizzazione e neppure titolo per parlare delle degenze in ospedale. Emergenza non c'è, attendiamo il vero di banco di prova che è rappresentato dall'apertura delle scuole. Ma siamo preparati»

Il Direttore Generale Azienda Ospedaliera, Luciano Flor, ha bacchettato il professor Andrea Crisanti rispetto alle sue esternazioni sulla situazione dei ricoverati presso l’ospedale di Padova. Lo ha fatto rispondendo alla domanda posta da alcuni giornalisti che gli hanno chiesto quale fosse il livello di emergenza rispetto ai ricoveri e ai positivi al Covid. Flor dopo aver spiegato che non stiamo vivendo nessuna emergenza ha “tirato le orecchie” al professor Crisanti: «Il professore non ha autorizzazione e neppure il titolo per parlare delle degenze in ospedale. Emergenza non c'è, attendiamo il vero di banco di prova che è rappresentato dall'apertura delle scuole. Ma siamo preparati». Un chiaro riferimento ad alcune dichiarazioni rilasciate dal professore in tv e sui giornali. 

Ha poi spiegato le differenti situazioni in cui ci troviamo rispetto oggi a quando si è palesata per la prima volta la pandemia: «Oggi siamo preparati, non è come a febbraio quando ogni giorno c’era una sorpresa, oggi siamo organizzati, facciamo i tamponi a tantissime persone. Noi il virus lo andiamo a cercare per isolarlo, ma non bisogna fare nessun allarmismo». Un'ultima battuta l'ha poi riservata a tutti coloro che manifestano fastidio per l'obbligo di indossare la mascherina: «Non bisogna abbassare la guardia e restare vigili. La mascherina va indossata, abbiamo visto che funziona e l'effetto che ha nel limitare i contagi. Basta vittimismi, soprattutto nelle situazioni in cui si verificano assembramenti, bisogna indossarla». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Direttore Generale dell'Azienda Ospedaliera, Luciano Flor, bacchetta il professor Andrea Crisanti

PadovaOggi è in caricamento