rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Politica

Bonavina: «Denuncia di Orizzonti pretestuosa. Nessun presidio fisso in Duomo»

L'assessore alla sicurezza: «L'episodio in questione, quello di cui hanno fornito le immagini Carrai e Fation Tony Ymeraj, titolare del Gancino, sono evidentemente un pretesto. Erano due anni che non accadevano episodi gravi. Perché non hanno parlato di questo, invece?»

«A me sembra un po' pretestuoso che si organizzi una conferenza stampa per un episodio così. Al netto che ognuno è libero di fare quello che vuole, mi trovo anche in imbarazzo a commentarla, questa vicenda». Esordisce così l'assessore Diego Bonavina quando lo chiamiamo per commentare la conferenza stampa indetta da Orizzonti in piazza Duomo. «Da quanto era che in Duomo non accadeva nulla di grave? Due anni. E stiamo parlando di episodi gravi e non mi pare questo il caso. Certo tutti vorremmo nella città perfetta, ma la città perfetta non esiste e lo sa pure chi ha indetto la conferenza stampa, questo».

Duomo

Bonavina fa un passo indietro: «Quando siamo intervenuti a suo tempo, lo abbiamo fatto perché c'era una situazione che davvero preoccupava. Ma non è che possiamo militarizzare la città o nello specifico Piazza Duomo perché tre ragazzi ubriachi hanno fatto casino. Non è serio anche solo pensarlo, figuriamoci chiederlo». Con queste parole l'assessore alla sicurezza Diego Bonavina ha di fatto escluso quanto proposto da Marco Carrai di Orizzonti, ossia di mettere un presidio fisso delle forze dell'ordine, in piazza Duomo. 

Pretesto

All'assessore alla sicurezza, Diego Bonavina, non è proprio piaciuta l'idea di chiamare la stampa al Gancino dove il titolare, alle amministrative candidato nella lista della Gislon, quindi di fatto la lista di Orizzonti, ha mostrato dei video in cui si vedono dei ragazzi a petto nudo rincorrersi, urlare e darsi dei calci e dei pugni. Un episodio come tanti, verrebbe da dire. «Dire che non c'è sicurezza lo si fa per uno scopo preciso, che non è certo quello che si vuole fare credere. In piazza Duomo in questi anni abbiamo cambiato l'illuminazione, installato altre telecamere di ultimissima generazione. Abbiamo avuto anche il presidio fisso quando c'è stato bisogno in un dato momento preciso di intervenire in quel modo, ma oggi non ci sono le condizioni e non è una cosa alla quale pensiamo».

Consensi

La questione sollevata all'assessore appare pretestuosa: «Criticare si può fare sempre perché non esiste la città perfetta e neppure Padova lo è. Ma dire che è insicura e tutte le storie che si raccontano per attirare consensi, a me pare offensivo anche per la città stessa. Poi mi pare strano che a farsi portavoce di questa situazione sia proprio il titolare del Gancino che un giorno appare sui giornali con i rappresentanti di Fratelli d'Italia e poi lo ritrovi candidato con una lista che apparentemente con loro non dovrebbe c'entrare proprio nulla, qualche mese dopo. Non c'è stato nessun altro esercente di Piazza Duomo che si è lamentato e che ha fatto questa richiesta». 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonavina: «Denuncia di Orizzonti pretestuosa. Nessun presidio fisso in Duomo»

PadovaOggi è in caricamento