Il candidato Giuseppe Pan a Confindustria Cittadella

Confronto tra i candidati alla poltrona di primo cittadino e gli industriali

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Confronto tra i candidati alla poltrona di primo cittadino e gli industriali nella sede di Confindustria di Cittadella. Al dibattito presente Giuseppe Pan, candidato sostenuto da Lega Nord-Liga Veneta, Lista civica San Marco, Forza Cittadella, Lista per il Sindaco e Cittadella cresce con te.

“L’incontro è stato opportunità per fare un resoconto di tutte le attività svolte fino ad ora dall’amministrazione, dal punto di vista del lavoro e dell’imprenditoria, per riuscire a mantenere vive e in salute le imprese del nostro territorio”, ha commentato a margine della serata il candidato e attuale vicesindaco Giuseppe Pan. “Si tratta di una programmazione partita da diversi anni, che mira allo sviluppo delle aree industriali di Cittadella. Un intervento che ha l’obiettivo di tenere le imprese vicine a casa, aumentando le assunzioni locali e rendendo la nostra città il fulcro delle aziende più innovative”.

Naturalmente il tutto garantendo e ampliando i servizi necessari. “La volontà è di sviluppare i servizi utili alle aziende, a partire da una nuova viabilità di collegamento, per arrivare alla banda larga. Ricordo infatti che la Zitac di Cittadella è un’area di ben 500mila metri quadrati dove si concentrano gli interessi imprenditoriali della nostra economia”.

Proprio alla zona industriale a est di Cittadella si rivolge un ambizioso progetto presentato ieri sera dal candidato leghista. “L’obiettivo è di creare un vero e proprio Palazzo del lavoro, uno spazio centrale dove far convergere tutte le attività che gravitano attorno all’imprenditoria, dall’ufficio di collocamento alle varie associazioni. Insomma un unico luogo in cui anche domanda e offerta s’incontrano”.

A questo si aggiunge l’idea in più. “La volontà è di incentivare l’apertura delle nuove imprese. Proprio a loro è rivolto lo sportello Impresa per un giorno, un ufficio dove riuscire a fornire tutta la documentazione e le pratiche utili per aprire un’azienda di qualsiasi tipo in breve tempo, snellendo così drasticamente le lungaggini della burocrazia”.

Un aiuto arriva anche sul fronte della tassazioni: “Per quanto riguarda l’Imu, cercheremo di applicarla nei valori minimi consentiti per legge. Questo vale sia per le famiglie che per le attività commerciali e imprenditoriali, in modo tale da gravare il meno possibile sulle loro tasche. Lo stesso vale per l’Irpef: non applicata dall’attuale amministrazione, non lo sarà nemmeno in futuro”. Ed è proprio guardando al domani che Pan conclude: “La sfida più grande per il futuro rimane quella di mantenere le imprese sane nel territorio, continuando ad avere un contatto con le categorie economiche, per capire e magari prevedere le loro esigenze sia dal punto di vista urbanistico, che appunto burocratico”.

I più letti
Torna su
PadovaOggi è in caricamento