menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto: Elisabetta Beggio e Massimo Bitonci

In foto: Elisabetta Beggio e Massimo Bitonci

Amministrative 2017, il Movimento del Buonsenso al fianco di Massimo Bitonci

"L'unico Movimento del Buonsenso è questo - spiega il candidato sindaco Bitonci - non quello utilizzato come slogan elettorale da qualcun'altro (ndr Sergio Giordani)"

Si allarga la squadra a sostegno della candidatura di Massimo Bitonci alle prossime elezioni amministrative di Padova. L'ex consigliera comunale Elisabetta Beggio, presidente del Movimento del Buonsenso, sarà al fianco del candidato leghista così come è stato nella precedente tornata elettorale quando si era candidata con la Lista civica Bitonci.

BUONSENSO. "Buonsenso che vuol dire prima i Padovani - spiega Massimo Bitonci - contro la criminalità e contro il degrado che purtroppo c'è stato e c'è ancora in città perchè abbiamo iniziato a lavorare ma purtroppo ci hanno fermato. Buonsenso è sicurezza, tagliare le tasse, fare opere pubbliche, asfaltare le strade".

GIORDANI.  "L'unico Movimento del Buonsenso è questo ed è esistente dal 2012 - continua Bitonci - non quello utilizzato come slogan elettorale da qualcun'altro (ndr Sergio Giordani). ".

CAMBIAMENTO. "Nel 2014 - spiega Elisabetta Beggio, presidente del Moviemento del Buonsenso - quando Bitonci ha deciso di candidarsi a sindaco di Padova ci siamo rivisti nel suo programma e ho deciso di candidarmi con la Lista Bitonci e sono entrata in Consiglio Comunale. Noi volevamo fortemente il cambiamento in città, Bitonci era una garanzia per noi e in effetti abbiamo visto che questi due anni e mezzo di lavoro sono stati proficui. Massimo Bitonci per la città di Padova rappresenta un faro per il futuro nostro e dei nostri figli".

LISTE. A sostenere Bitonci saranno dunque le liste Lega Nord, la civica Bitonci, Forza Italia, Fratelli d'Italia, Prima Padova. "Un centrodestra ampissimo - conclude Bitonci - che non c'era nel 2014. Un centrodestra unito perchè i padovani non vogliono che torni la sinistra. Il contrasto è stato messo da parte perchè l'importante è governare la città com'era sei mesi fa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento