menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto: da sinistra Simone Borile e Giacomo Cusumano

In foto: da sinistra Simone Borile e Giacomo Cusumano

M5S, corsa a due per le Comunarie: si presentano Cusumano e Borile

Il Movimento Cinque Stelle di Padova ha svelato i nomi dei due attivisti che giovedì saranno votati sulla piattaforma on line: uno dei due sarà il candidato sindaco di Padova

La diretta streaming sulla pagina Facebook del M5S di Padova scioglie ogni dubbio, gli auto-candidati del Movimento pentastellato, che andranno poi a votazione per la scelta del candidato sindaco, saranno due: Giacomo Cusumano e Simone Borile. Escluso invece il giovane Leonardo Forner.

FORNER. Assenza così giustificata da Giuliano Altavilla, consigliere comunale di Padova: "A tutti gli auto-candidati è stato chiesto di mandare una mail allo staff e di presentarsi alla serata con la ricevuta di risposta. Leonardo Forner ne era sprovvisto e pertanto è stato escluso".

CHI SONO. Giacomo Cusumano, attivista dal 2010, già candidato alle comunali del 2014. Trentenne, geometra, lavora per una multinazionale nella quale è rappresentate sindacale e addetto alla sicurezza. "Sono attivista da tanti anni e penso che sia arrivato il mio momento per dare una nuova chance a Padova", queste le motivazioni che l'hanno spinto ad auto candidarsi.

BORILE. Simone Borile, 41enne, direttore generale del Ciels, l’istituto universitario per mediatori linguistici, docente antropologia sociale, vicino al Movimento Cinque Stelle dal 2013. Il motivo che l'ha spinto a mettersi in prima linea è stato questo: "Vedendo la gestione politica degli ultimi anni, in particolar modo l’ultima che era stata annunciata come rivoluzionaria, non ho assistito ad alcuna trasformazione".

PROGRAMMA. Punti chiave del programma Cusumano sono: ambiente, commercio, sicurezza, acqua bene comune, sociale e amministrazione trasparente. Borile punta su: consenso, maggiore trasparenza e lavoro.

OPERE. Sulla questione nuovo ospedale, Borile risponde: "Non sono contrario all’ospedale, è un cantiere importante ma qualcuno ha chiesto cosa ne pensano i padovani? Questo è un requisito imprescindibile sul quale dobbiamo interrogarci". Cusumano invece sostiene che: "I giochi sono già fatti, credo che possa essere un'ottima piattaforma di lavoro per l'università e per i medici. Quello che è stato fatto deve essere mantenuto ma la gestione d'ora in poi deve essere diversa".

CENTRO CONGRESSI. Sul Centro Congressi Borile dice: "Sì, subito anche se va ricollocato su una visione più ampia: all'interno della Fiera"; Cusumano risponde: "Penso sia utile e possa essere gestito in maniera trasversale. Il dubbio è sulla gestione".

PLEBISCITO. Sullo stadio Plebiscito rispondono all'unisono: "Va rimesso a norma. Va valorizzato l'Euganeo ma il Calcio Padova non deve essere spostato dall'attuale collocazione. Portare il calcio al Plebiscito diventa un problema enorme anche a livello di viabilità".

SQUADRA. Questa le linee guida dei due auto-candidati che giovedì saranno votati sulla piattaforma on line. Al termine della diretta Borile annuncia che nel caso fosse lui a ricevere il maggior numero di voti e ad essere quindi designato come candidato sindaco del M5S per Padova:"Voglio Cusumano nella mia squadra e lo proporrei come capolista". 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
PadovaOggi è in caricamento