menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni 2013, Conselve: bocciati Udc e Ruzzon, 5 stelle primo partito

Cambiano gli assetti politico-strategici, sull'onda che lancia il Movimento 5 Stelle quale Primo partito locale, forte dell'onda travolgente a livello nazionale e contro quello zoccolo duro di una democrazia cristiana che, con la perdita dell'Udc, perde l'autorità e l'egemonia di almeno 50anni

Le urne di Conselve, con il Primo posto al Movimento 5 stelle ribaltano l'esito delle comunali dell'anno scorso, dove il partito di appartenenza del sindaco Ruzzon vinse la corsa verso la poltrona di sindaco. Col 32% in vetta su gli altri schieramenti, il Movimento 5 stelle aumenta quel 27% circa delle comunali, con ben 5 punti percentuali in più, scavalcando ogni altro schieramento.

Tale risultato di fatto premia la presenza a Conselve, con l'attività assidua, capillare e determinata del Movimento 5 stelle, con tutta una serie di iniziative e verifiche sull'amministrazione e sulle esigenze dei cittadini, con esposti alla Magistratura, svariate interrogazioni e mozioni contro la gestione imbarazzante e poco trasparente della Giunta Ruzzon.

Una parte della cittadinanza, evidentemente, ha deciso di ribaltare quel consenso dato qualche mese fa a Ruzzon, probabilmente perchè si è accorta di aver mal riposto la propria fiducia elettorale. Quindi ora cambiano gli assetti, sia in virtù dell'esito delle urne, locali e nazionali.

Infatti, in queste ore (22:30) l'esito, almeno al Senato, dei seggi scrutinati danno l'UDC fuori dai giochi, avendo conseguito imbarazzanti esiti dal voto (1,77 %), risultato questo che probabilmente priviligerà la Lista civica di Monti a discapito di un consenso praticamente nullo ai candidati Udc. In termini di riferimento quindi, il famoso "zoccolo duro" della vecchia e stantia Democrazia Cristiana verrà a mancare, lasciando ancora certe sacche resistenti, sguarnite dei riferimenti parlamentari romani, De Poli ad esempio era il collegamento e "feudatario" di riferimento nella zona del Conselvano, sparendo lui, la presunta tracotanza e superbia del sindaco Ruzzon mancherebbe di adeguata "tranquillità", dapprima coperta da certe coperture mentre adesso completamente, o quasi, lasciata al proprio destino.

Quindi cambiano gli assetti e pure le valenze e gli equilibri in seno alla Giunta Ruzzon. Non sarà certamente più come prima e Ruzzon dovrà fare i conti, come se già non ne avesse con il nuovo scenario...(fa notizia l'auto-epurazione del capogruppo Perilli, assente ingiustificato da parecchi consigli comunali, (probabilmente in serio conflitto con i costumi imbarazzanti di Ruzzon). Perilli, noto uomo di Padrin (PDL) pare "stroncato" sotto il proprio stesso peso nel famoso lancio dell'anatema contro il Movimento 5 stelle (non nominato ma chiaramente evocato) all'inizio del mandato 2012-2017) dovrà fare i conti Ruzzon, dicevamo, con i sopraggiunti mutati assetti nazionali (consolidamento del PDL nazionale, exploit del M5S, sparizione dell'UDC, puzza di guai... ) oltre alla causa preponderante, il proprio modo e stile di gestione tirannica del potere che spesso si scontra con una sostanziale incapacità e conoscenza oggettiva della gestione amministrativa.

Dal suo canto, il Movimento 5 Stelle, forte del consenso sia nazionale che locale, plaudendo a tale fase storica, legittimato anche dalla fiducia nel proprio operato in paese, potrà e dovrà insistere e incentivare il proprio ruolo di opposizione, custode della legalità e controllore della traspararenza amministrativa, presupposti che, a Conselve, sono da tempo latitanti o quanto meno abbondantemente trascurati dall'attuale gestione politica ed amministrativa di un sindaco oramai delegittimato ed orfano dei poteri che l'hanno sempre coperto nel proprio discutibile percorso politico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Attualità

Perquisizioni e ostacoli alle Coop: il Dap "commissaria" il Due Palazzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento