menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni Politiche 2013, diritto di voto per disabili e malati

Tutte le informazioni circa le modalità in cui anche le persone fisicamente impedite, inferme, ammalate, interdette, ricoverate in ospedale e nei luoghi di cura possono esercitare il proprio diritto di voto

Di seguito una guida con le informazioni utili su come viene garantito il diritto di voto alle prossime elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 per le persone fisicamente impedite, inferme, ammalate, interdette, ricoverate in ospedale e nei luoghi di cura.

VOTO ASSISTITO. Il diritto di voto è garantito anche agli elettori fisicamente impediti, i quali possono esercitarlo con l’assistenza di un altro elettore della propria famiglia o, in assenza, di un altro elettore scelto come accompagnatore, che può essere iscritto nelle liste elettorali di un qualsiasi Comune italiano. Possono usufruire del voto assistito con accompagnatore in cabina: ciechi, amputati delle mani, affetti da paralisi, con gravi impedimenti. L’impedimento deve essere dimostrato con la documentazione sanitaria rilasciata gratuitamente dalla ASL che certifica l’impossibilità di esercitare autonomamente il diritto di voto.

VOTO DOMICILIARE. Hanno diritto a votare dalla propria abitazione gli elettori affetti da gravissime infermità, “persone intrasportabili”, tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulti impossibile, e persone affette da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano. Anche in questo caso serve la certificazione sanitaria rilasciata gratuitamente dalla ASL. L’elettore potrà esercitare il proprio voto da casa durante le ore in cui è aperta la votazione, grazie alla presenza di uno scrutatore del seggio e del segretario.

DISABILI INTERDETTI. Il disabile interdetto deve esercitare il proprio diritto di voto senza assistenza.

RICOVERATI. Anche i degenti in ospedali e case di cura sono ammessi a votare nel luogo di ricovero. È infatti prevista la costituzione di un seggio elettorale speciale all’interno delle strutture. Il voto è possibile esibendo la tessera elettorale e una specifica attestazione del sindaco rilasciata su richiesta dell’interessato.

IN AMBULANZA. Il Comune di Padova ha organizzato un servizio di trasporto gratuito e senza certificazione medica, riservato alle persone che presentano difficoltà di deambulazione. Sono due le modalità previste: in ambulanza oppure con mezzi attrezzati. Il trasporto in ambulanza è previsto per i casi più gravi e si svolge domenica 24 febbraio, dalle 8 alle 21 e lunedì 25 febbraio, dalle 7 alle 14. Il trasporto con mezzi attrezzati sarà attivo solo nella giornata di domenica 24 febbraio.

IN MINIBUS. Per il trasporto di persone disabili sarà inoltre a disposizione un minibus che preleverà l'elettore all'ora concordata, sul marciapiedi stradale all'esterno dell'abitazione. A differenza del trasporto con ambulanza, non è prevista assistenza nel tratto dall'interno dell'abitazione fino al marciapiede stradale. (Sia per il servizio di ambulanza che del minibus è possibile prenotare telefonando ai numeri 049 8205730 - 8205732).

PadovaOggi seguirà lo spoglio per conoscere i risultati in tempo reale di queste elezioni politiche. Per legge, si inizierà con lo scrutinio delle schede per il Senato (il link per i risultati al Senato), passando poi a quelle per la Camera dei deputati (il link per i risultati alla Camera).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento