menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elisabetta Gardini dribbla i problemi con gli alleati e rilancia: «Giordani ama Padova? Io di più»

Presentazione del piano di Fratelli d'Italia per i prossimi mesi che ha tutta l'aria di un lancio a una candidatura dell'ex europarlamentare, Elisabetta Gardini, a sindaca

Conferenza stampa di Fratelli d’Italia, con Elisabetta Gardini anche i consiglieri Enrico Turrin ed Elena Cappellini. Insieme annunciano una serie di iniziative nei quartieri, previste per i prossimi mesi. «I tanto decantati consigli di quartiere non sono altro che dei soviet. Quello cui pensiamo noi è qualcosa di diverso», puntualizza subito Elena Cappellini. Elisabetta Gardini cerca di chiarire fin da subito che è solo di questo che vuole parlare ma sa benissimo che CERTE domande arriverannno, eccome. Non si può ignorare quanto si è scritto delle polemiche nell’opposizione, negli ultimi mesi. Nelle ultime settimane, poi, c’è stato prima il botta e risposta con Massimo Bitonci, definito “principale ostacolo” da Enrico Turrin ed Elena Cappellini, alla costituzione di una opposizione forte. Poi l’esclusione dei due consiglieri e di Matteo Cavatton che fino a qualche mese con i due formava il gruppo consiliare Libero Arbitrio, da un comunicato che avrebbe dovuto essere di tutta l’opposizione su problematiche legate al traffico. 

Fratelli d'Italia 

L’onorevole Gardini nella prima parte della conferenza stampa ci tiene a evidenziare le tante adesioni al partito sia dal punto di vista dei tesserati che degli amministratori. Grandi elogiare alla guida di Giorgia Meloni. Poi spiega la sua strategia per la città, che parte appunto da iniziative nei quartieri e la presa in carico di diverse problematiche. Elenca poi quelli che sono gli aspetti su cui lavorare «per tirare fuori il meglio dalla città, per valorizzarne tutte le potenzialità». Pur attenendosi a ragionamenti in linea generale, la sua ricetta di avvicinamento prima alle Regionali e poi alle comunali del 2022, da l’idea di una candidatura a sindaca della città. Talmente che glielo chiediamo: «Non è la mia candidatura, è quella di Fratelli d’Italia», risponde prontamente. Ripete più volte però quanto sia innamorata di Padova, tanto che viene spontaneo scherzarci proprio con lei.  Pensando già all'eventuale campagna elettorale, lo slogan di Giordani è Amo Padova, lei della città ne è innamorata: si potrebbe prospettare una campagna elettorale con meno veleni, all'insegna dell'amore, banalizzando. I due poi vengono dallo stesso partito, Forza Italia: «Io questa cosa proprio non riesco a ricordarla, ma ero sempre a Bruxelles d'altronde.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma più che dei rapporti con l'avversario politico, i due appunto si conoscono bene e si sono fermati a parlare qualche minuto in fondo la scalinata di Palazzo Moroni, quello che è interessante sapere è quali sono i rapporti soprattutto con Massimo Bitonci. Il collega del Corriere del Veneto, Davide D’Attino, nonostante la resistenza della Gardini al voler rispondere sui rapporti sugli alleati in città, ottiene finalmente una risposta, anche se molto diplomatica va detto. Come si diceva, in diversi abbiamo cercato di capire se ci sono problemi, in città, tra Lega e Fratelli d'Italia. Solo alla fine si lascia sfuggire: «E’ logico che tra alleati c’è sempre collaborazione,  ma c'è anche competizione». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con molta esperienza cerca di tenere lontane le polemiche, ma il caso padovano è probabilmente un’anomalia visto che, come detto dalla stessa Gardini, la fotografia del nuovo centro destra è quella della manifestazione di piazzale San Giovanni a Roma. Si capirà nelle prossime settimane se quello che vuole intraprendere Fratelli d’Italia in città è un percorso indipendente dalle altre forze o se quello a tutti gli effetti sembra uno strappo tra le diverse componenti che costituiscono l’opposizione in città si potrà ricucire.

Giordani Gardini-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento