Danza, Donazzan: «Settore fortemente penalizzato, servono subito dei protocolli specifici»

Afferma l'assessore regionale: «I professionisti e gli appassionati della danza sportiva e della danza classica, moderna e contemporanea hanno bisogno di tornare ad allenarsi negli spazi opportuni»

«Le scuole di ballo e la danza sportiva, disciplina molto seguita e diffusa nel mondo e che genera turismo e relazioni, rischiano di essere fortemente penalizzati dal Covid-19 e dalle relative misure adottate per contenere la pandemia. Credo che si debba trovare una strada possibile, equiparando questi lavoratori, anzi artisti, alle palestre e individuando protocolli specifici che prevedano la danza di coppia solo tra marito e moglie e conviventi, nonché balli figurati e coreografie che rispettino il distanziamento fisico. I professionisti e gli appassionati della danza sportiva e della danza classica, moderna e contemporanea hanno bisogno di tornare ad allenarsi negli spazi opportuni». L’assessore regionale alla scuola e al lavoro Elena Donazzan richiama l’attenzione sul mondo della danza, in tutte le sue molteplici articolazioni, particolarmente penalizzato dalla pandemia.

Danza

Aggiunge l'assessore Donazzan: «I suoi operatori sono stati i primi a chiudere e ora forse saranno gli ultimi a riaprire. È di oggi la notizia che i set cinematografici hanno concordato il loro protocollo per riprendere riprese e attività filmica in sicurezza: per il mondo della danza continuano invece a mancare indicazioni chiare e misure di sostegno, ppure le tante professionalità di questo settore meritano attenzione e aiuti. Il fatto di essere "figli di nessuno", un po’ sport e un po’ cultura, un po’ ricreazione e un po’ spettacolo, non li sta certo aiutando. Il Veneto, che vanta realtà di eccellenza come il corpo di ballo dell’Arena di Verona, accademie di danza di tradizione ormai secolare e rassegne di grande prestigio come il festival della danza contemporanea all’Operaestate Festival o Bassano Open, organizzato da Federazione Italiana Danza Sportiva e World Sport Federation e che nell’ultima edizione ha radunato 680 coppie partecipanti da 40 paesi, non può e non vuole perdere queste professionalità che regalano arte, bellezza e attrattività ai nostri luoghi della cultura e creano lavoro per migliaia di addetti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • Tragedia nel pomeriggio: auto esce di strada, morto un 19enne e grave un coetaneo

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Strade insanguinate: perde il controllo dell'auto sui Colli, muore noto barista di 31 anni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento