Danza, Donazzan: «Settore fortemente penalizzato, servono subito dei protocolli specifici»

Afferma l'assessore regionale: «I professionisti e gli appassionati della danza sportiva e della danza classica, moderna e contemporanea hanno bisogno di tornare ad allenarsi negli spazi opportuni»

«Le scuole di ballo e la danza sportiva, disciplina molto seguita e diffusa nel mondo e che genera turismo e relazioni, rischiano di essere fortemente penalizzati dal Covid-19 e dalle relative misure adottate per contenere la pandemia. Credo che si debba trovare una strada possibile, equiparando questi lavoratori, anzi artisti, alle palestre e individuando protocolli specifici che prevedano la danza di coppia solo tra marito e moglie e conviventi, nonché balli figurati e coreografie che rispettino il distanziamento fisico. I professionisti e gli appassionati della danza sportiva e della danza classica, moderna e contemporanea hanno bisogno di tornare ad allenarsi negli spazi opportuni». L’assessore regionale alla scuola e al lavoro Elena Donazzan richiama l’attenzione sul mondo della danza, in tutte le sue molteplici articolazioni, particolarmente penalizzato dalla pandemia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Danza

Aggiunge l'assessore Donazzan: «I suoi operatori sono stati i primi a chiudere e ora forse saranno gli ultimi a riaprire. È di oggi la notizia che i set cinematografici hanno concordato il loro protocollo per riprendere riprese e attività filmica in sicurezza: per il mondo della danza continuano invece a mancare indicazioni chiare e misure di sostegno, ppure le tante professionalità di questo settore meritano attenzione e aiuti. Il fatto di essere "figli di nessuno", un po’ sport e un po’ cultura, un po’ ricreazione e un po’ spettacolo, non li sta certo aiutando. Il Veneto, che vanta realtà di eccellenza come il corpo di ballo dell’Arena di Verona, accademie di danza di tradizione ormai secolare e rassegne di grande prestigio come il festival della danza contemporanea all’Operaestate Festival o Bassano Open, organizzato da Federazione Italiana Danza Sportiva e World Sport Federation e che nell’ultima edizione ha radunato 680 coppie partecipanti da 40 paesi, non può e non vuole perdere queste professionalità che regalano arte, bellezza e attrattività ai nostri luoghi della cultura e creano lavoro per migliaia di addetti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento a Padova e in Veneto: positive anche due sorelline di 3 e 6 anni

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Live - Due decessi sul posto di lavoro, crescono ancora i contagiati in provincia

  • Uno «strepitoso» test rapido: bastano sette minuti per scoprire se si è positivi al Coronavirus

Torna su
PadovaOggi è in caricamento