menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fiom, presidio dei lavoratori di fronte allo stabilimento Engineering

Attuato per sostenere la richiesta del coordinamento nazionale di riaprire subito il tavolo per le trattative tra lavoratori e azienda

Presidio all'esterno della Engineering, realizzato per sostenere la richiesta del  coordinamento nazionale di riaprire subito il tavolo per le trattative tra lavoratori e azienda. II presidio è durato fino 10:30, davanti alla sede di Engineering in Corso Stati Uniti, 23/c.

Presidi

I lavoratori delle varie sedi di Engineering distribuite su tutto il territorio nazionale in accordo con le segreterie nazionali e territoriali di Fiom, Fim e Uilm e con il coordinamento nazionale delle RSU di Engineering stanno proclamando scioperi e mobilitazioni per chiedere la riapertura del negoziato per la definizione del nuovo contratto integrativo.

8 ore di sciopero

La decisione di distribuire 8 ore di sciopero in 4 pacchetti da due ore ciascuno durante le prime ore di martedì 4 e 18 dicembre 2018 e di martedì 15 e 29 gennaio 2019 è stata presa al termine di un incontro in cui, a fronte del persistere della chiusura dell'Azienda in merito alla trattativa sul rinnovo del contratto integrativo,   il Coordinamento nazionale delle RSU del Gruppo Engineering e le organizzazioni sindacali nazionali e territoriali  si sono riunite a fine novembre hanno valutato insieme e in maniera approfondita lo stato della vertenza dopo le iniziative di mobilitazione realizzate nelle scorse settimane. 

Gruppo Engineering

Il Gruppo Engineering realizza importanti risultati economici: più di un miliardo di euro di fatturato ed è incredibile che l’Azienda non arrivi neppure a riflettere sui risultati del sondaggio dalla stessa commissionata sul clima aziendale: oltre il 53% dei dipendenti che hanno risposto ritiene di avere uno stipendio inadeguato, oltre il 61% ritiene non ci sia equità nell’erogazione dei premi e dei benefit. 

Integrativo

«L'integrativo si può e si deve realizzare perché c’è la liquidità necessaria per farlo e perché il clima aziendale lo richiede. I lavoratori devono essere messi in condizione di poter lavorare con serenità e con stipendi coerenti al loro impegno», dichiara Fabio Pozzerle, della segreteria provinciale della Fiom Padova alla fine del presidio.

fiom presidio-2-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento