Fiom: indetto sciopero e presidio alla GN Hearing di Montegrotto

Lo stabilimento di Montegrotto della GN Hearing, multinazionale danese che si occupa di apparecchi acustici, che annovera fra i suoi maggiori clienti la Amplifon, conta 50 dipendenti.

A seguito dell’incontro con l’azienda del 17 novembre e della successiva assemblea con i lavoratori, la RSU, congiuntamente alla Fiom-Cgil di Padova, proclama 2 ore di sciopero per giovedì 26 novembre 2020 dalle ore 10,30 alle ore 12,30 (anche per personale vendite e in smartworking) con presidio fuori dallo stabilimento della GN Hearing, sito in via Bixio, 1 a Montegrotto Terme, in risposta ai comportamenti aziendali, visto che, nonostante le proposte avanzate in sede di incontro all’azienda, continua a non dare alcuna apertura su un possibile confronto sulla stabilizzazione di due contratti in scadenza.

Apparecchi acustici

Lo stabilimento di Montegrotto della GN Hearing, multinazionale danese che si occupa di apparecchi acustici, che annovera fra i suoi maggiori clienti la Amplifon, conta 50 dipendenti. Mentre l’azienda impone ai dipendenti l’azzeramento di ferie e permessi, sostituisce gli stessi nelle loro mansioni da lavoratori esterni di una cooperativa. Il ricorso all’utilizzo della cooperativa è aumentato non solo per le attività per le quali inizialmente era stata inserita, ma questi lavoratori esterni vengono utilizzati sempre più nelle attività che dovrebbero essere svolte dai dipendenti GN Hearing.

Ridimensionamento

È necessario sottolineare poi che, in quest'ultimo anno, l’organico è stato ridimensionato sia nell’area commerciale che nella produzione, a causa delle uscite per pensionamento o maternità, e tali posti di lavoro non sono stati assegnati con assunzioni dirette, ma con l’aumento delle ore dei lavoratori della Cooperativa. Sono, inoltre, presenti 2 contratti a termine (con scadenza il 31 dicembre 2020) per i quali l’azienda ha già comunicato l’intenzione di non rinnovare, pur non essendoci un calo di lavoro in quelle mansioni.

Budget

Non è giustificabile una riduzione così drastica di personale, rispetto ai numeri attuali dell’azienda in termini di fatturato/ordini (-2% rispetto al 2019 e -5% rispetto al budget fissato per il 2020 e mai rivisitato anche a seguito della pandemia). «Chiediamo che vengano date garanzie sul futuro dell’insieme delle lavoratrici e lavoratori, a partire dalla stabilizzazione a tempo indeterminato presso GN Hearing dei 2 contratti in scadenza (avendo anche a disposizione ad oggi importanti agevolazioni fiscali) e che venga ristabilito il rispetto delle regole contrattuali in termini di utilizzo di ferie e permessi individuali - dichiarano congiuntamente la RSU e la segreteria della Fiom-Cgil di Padova - Ribadiamo, infine, che permane il blocco dello straordinario a sostegno della vertenza per il rinnovo del CCNL dei metalmeccanici, e che lo stesso ed eventuali altre iniziative continueranno a rimanere in atto fino a quando l’azienda non darà una risposta concreta a quanto richiesto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione #IoApro: l'elenco di bar e i ristoranti che aderiscono all'iniziativa

  • Andrea Pennacchi: «So taca na machina, ma respiro. Grazie a tutti i medici, sono in buonissime mani»

  • La pasticceria Le Sablon fa servizio al tavolo per #ioapro: prese le generalità a clienti e titolare

  • Famiglia si sbronza per "dimenticare" il parente morto: 17enne sviene, i genitori sfondano la porta del pronto soccorso per farlo curare

  • Solesino: primo comune italiano a dotarsi di un'Alfa Romeo Stelvio per la polizia locale

  • Fermati dalla polizia mentre acquistano cocaina. L'amara sorpresa, sono due agenti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento