rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Politica Piazze / Piazzetta Amleto Sartori, 18

Furto e danni alla Sala Pinelli. Comune, Csv e associazioni: «Bene comune da rispettare»

Lo scorso week end sala Pinelli, una sala comunale nel quartiere Crocifisso, è stata oggetto di un atto vandalico con il furto di alcuni materiali contenuti all'interno. I computer rubati erano destinati ad essere rigenerati, con il quotidiano lavoro volontario di Officina e donati a chi ne avesse ancora bisogno

Il danno, di per sé di scarso valore, assume un significato per il ruolo che sta assumendo quello spazio grazie ai volontari e alle volontarie delle associazioni che lo stanno animando, in collaborazione con la Consulta di Quartiere, il CSV di Padova e Rovigo e il Comune di Padova. La sala di via Pinelli rappresenta infatti una realtà particolare legata alla trasformazione civile del territorio del Crocifisso, che ha visto la città, le istituzioni, le associazioni e migliaia di cittadini impegnati come volontari nell’aiutare le persone più fragili, anziani, bambini e disoccupati, soprattutto durante l’emergenza covid 19.

Csv

La sala dopo un lungo periodo di chiusura è stata riaperta nell’aprile del 2020 dal settore Decentramento del Comune e data in gestione al Centro Servizio Volontariato per organizzare a livello logistico la raccolta e la distribuzione di alimenti. Oggi è utilizzata dal CSV in collaborazione con alcune associazioni del territorio, tra le quali Quarto Tempo, Enars Aps, Il Mosaico delle idee e Officina Informatica, che, tra le diverse attività che propone, si occupa di rigenerare pc in disuso. Il pensiero sulle attività di animazione territoriale, sono frutto di un vivace gruppo di lavoro, che vede protagonisti anche cittadini interessati e curiosi.

Associazioni

I computer rubati erano destinati ad essere rigenerati, con il quotidiano lavoro volontario di Officina e donati a chi ne avesse ancora bisogno.
L'appello delle associazioni: «Come gruppo di associazioni del territorio che da pochi giorni sta gestendo la sala comune di via Pinelli vogliamo continuare nell'intento di offrire uno spazio pubblico di riferimento al quartiere. Più lo spazio verrà sentito bene comune da parte del quartiere, più difficilmente potrà essere impunemente danneggiato. Di certo non ci fermiamo qui, e lanciamo l’appello di restituire il materiale sottratto, perché i giovani del quartiere possano usufruirne e le famiglie numerose, riceverlo, per proseguire il lavoro della faticosa DAD e del lavoro a distanza».
CSV e Comune confermano che entro il mese di maggio ci sarà l'inaugurazione della sala e che l'impegno comune sarà quello di trasformarla in un laboratorio di sviluppo di comunità e luogo di aggregazione per tutto il quartiere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto e danni alla Sala Pinelli. Comune, Csv e associazioni: «Bene comune da rispettare»

PadovaOggi è in caricamento