rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Politica Albignasego

Albignasego, Giacinti presenta al prefetto Grassi il progetto anti spaccio

E' strutturato in una fase di controllo e repressione che si accompagnerà ad iniziative di prevenzione. Gli agenti della polizia locale avranno il compito di sorvegliare, anche organizzando pattuglie in borghese, le scuole, i parchi, i locali pubblici e le arterie viarie principali

Presentato al Prefetto di Padova Raffaele Grassi il progetto per il contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti. Il sindaco Filippo Giacinti lo ha illustrato durante la riunione del Comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica. Albignasego è uno dei Comuni, insieme a Cittadella, Selvazzano e Vigonza, che potrà beneficiare di un finanziamento che potrà essere utilizzato per realizzare il progetto.

Giacinti

«L’Amministrazione comunale di Albignasego considera una priorità il potenziamento della sicurezza urbana» dichiara il sindaco Filippo Giacinti «e in tale contesto l’attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti assume sicuramente una posizione di rilievo, anche perché è finalizzata alla tutela dei cittadini più giovani e quindi maggiormente indifesi».

Il progetto

L’attivazione del progetto nasce anche dalla volontà di fare di Albignasego un Comune sempre più attento e vigile al fenomeno della cessione e del consumo degli stupefacenti, soprattutto nei parchi e giardini pubblici che ad Albignasego sono circa una cinquantina. Il progetto è strutturato in una fase di controllo e repressione che si accompagnerà ad iniziative di prevenzione, affidate alla Polizia locale Pratiarcati in sinergia con le altre forze dell’ordine. Gli agenti avranno quindi il compito di sorvegliare, anche organizzando pattuglie in borghese, i luoghi di frequentazione dei giovani quali plessi scolastici, parchi, locali pubblici nonché le arterie viarie principali, per evidenziare l’eventuale presenza di fenomeni di spaccio. 

Sensibilizzazione

«All’attività di controllo» prosegue il sindaco Giacinti «sarà affiancata un’attività di sensibilizzazione e prevenzione nel territorio, anche mediante l’uso di unità cinofile della Polizia di Stato. Sarà inoltre promossa una campagna informativa di sensibilizzazione e prevenzione all’uso degli stupefacenti, organizzando riunioni pubbliche rivolte alla cittadinanza e incontri specifici diretti agli alunni all’interno delle strutture scolastiche». 

Fondi

Il Comune di Albignasego potrebbe risultare assegnatario di un contributo di 16.884,34 euro: metà potrà essere utilizzato per la spesa in conto capitale (utile, ad esempio, all’acquisto di drug test e telecamere), e l’altra metà per spese in conto corrente (da usare per una specifica formazione degli agenti di polizia locale e, nella misura massima del 10%, per la campagna informativa). «La droga» conclude il sindaco «è una piaga ancora presente nella nostra società, che attenta alla salute e alla vita dei nostri giovani, che abbiamo l’obbligo di tutelare con il massimo sforzo. Per questo stiamo lavorando per cogliere  questa opportunità e poter così incrementare controlli, formazione degli operatori e campagne di prevenzione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Albignasego, Giacinti presenta al prefetto Grassi il progetto anti spaccio

PadovaOggi è in caricamento