Giordani: «La Regione toglie l'obbligo di indossare la mascherina? Io dico ai padovani: continuiamo a metterla»

«Personalmente da domani e per un po’ di tempo ancora continuerò a usare la mascherina il più possibile anche se all’esterno in alcune situazioni non sarà più obbligatoria per direttiva regionale. Ma non voglio fare polemica»

Al sindaco Sergio Giordani non piace affatto la decisione della Regione di togliere l'obbligo di indossare la mascherina se non quando è strettamente necessario: «Zero polemiche da parte mia, lo chiarisco in premessa», ma come si sa, quando si comincia così vuol dire che qualcosa da dire c'è. E infatti: «Personalmente però da domani e per un po’ di tempo ancora continuerò a usare la mascherina il più possibile anche se all’esterno in alcune situazioni non sarà più obbligatoria per direttiva regionale (ad esempio quando all’aperto si possono garantire le distanze di almeno un metro). Anche i manifesti della nostra campagna comunale sul corretto uso della mascherina resteranno ancora nei tabelloni».

Mascherina

 «Vedo che i padovani la portano in massa, gli scienziati - sottolinea deciso il sindaco Giordani - ci hanno detto che è un presidio utile e che il virus è ancora tra noi nonostante per fortuna i dati sono ottimi e quindi penso che per chi vuole, come atto facoltativo e individuale, portare la mascherina sempre risponda al concetto di buon senso che è meglio una sicurezza in più che una in meno ancora per qualche giorno. Ricordo infine a tutti che nei luoghi chiusi come negozi etc resta sempre obbligatoria». 

Il Pd con Giordani

Il capogruppo del Partito Democratico in Consiglio comunale, Gianni Berno, condivide i dubbi di Giordani: «l nostro Sindaco ha ragione nel non polemizzare nel suo ruolo istituzionale. Io invece mi permetto di dire che il messaggio del Presidente del Veneto Zaia non è condivisibile sul tema mascherine perché passa dai primi di giugno l'idea errata che il virus sia definitivamente sconfitto e che si possa togliere la mascherina. Se uno invece osserva meglio la normativa invece scopre che la mascherina la deve avere sempre al seguito e la deve indossare ogni volta che si trova in una situazioni di non distanziamento, cioè quando transita ad esempio passeggiando a meno di un metro. Quindi in città passeggiando ciò accade praticamente sempre.... e dunque non era più facile dire continuate ad indossare sempre la mascherina a tutela vostra e degli altri? Forse sarebbe stato meno popolare? Sta di fatto che il messaggio "cava e metti" la mascherina determina come esito il "cava". E questo a mio avviso aumenta il rischio e non dà chiarezza ai cittadini. Dunque anch'io come il Sindaco continuerò ad indossare la mascherina in tutte le situazioni e cercherò di frequentare meno occasioni di assembramento possibili. Gli altri cosa faranno?».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento