Politica

Caporalato, Gallani: «Il caso di Grafica Veneta è molto più di una vicenda giudiziaria»

«Abbiamo uno storico problema di sfruttamento in questo paese, da nord a sud, che ha preso nuove forme a causa del quadro giuridico sbagliato e vessatorio sulle migrazioni»

«Il caso che ha coinvolto Grafica Veneta è molto più di una vicenda giudiziaria, su cui farà luce la magistratura»: inizia così il post che Chiara Gallani, assessora del Comune di Padova, ha pubblicato sul proprio profilo Facebook per una riflessione generale sul caporalato.

Caporalato

Prosegue Chiara Gallani: «In queste settimane, grazie al coraggio non scontato di chi ha denunciato, è finalmente venuto alla luce ed è stato ampio il dibattito sullo sfruttamento di lavoratori: riflessioni che prendono avvio a partire dai gravissimi fatti di caporalato denunciati, che paiono purtroppo avere solidi riscontri, e che si allargano a regole e pratiche di appalti e subappalti che rendono vischiosi il confine dei diritti e la sicurezza sul lavoro. Per questo sono vicina alle istanze e al confronto che avrà luogo lunedì tra Adl Cobas Padova-Bassa Padovana e la Prefettura di Padova, sul punto dell'assunzione dei lavoratori sfruttati e sul quadro generale dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici. Abbiamo uno storico problema di sfruttamento in questo paese, da nord a sud, che ha preso nuove forme a causa del quadro giuridico sbagliato e vessatorio sulle migrazioni ed a causa delle restrizioni dell'ultimo anno mezzo e alla conseguente diffusione di forme di lavoro ad alto rischio di sfruttamento e precarietà e nuova fragilità».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caporalato, Gallani: «Il caso di Grafica Veneta è molto più di una vicenda giudiziaria»

PadovaOggi è in caricamento