Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Il Coronavirus scuote il mondo del lavoro, la Fiom: «Sospendere produzioni non indispensabili»

In continuo aggiornamento la lista di aziende che entrano in sciopero o che stanno chiedendo la cassa integrazione o che vengono chiuse per presenza di contagi. Ecco la lista

In queste ore è in continuo aggiornamento la lista delle aziende che entrano in sciopero o che stanno chiedendo la cassa integrazione o che entrano in agitazione o che vengono chiuse per presenza di contagi o che vengono chiuse per le richieste di prevenzione mosse dai delegati. I delegati e le delegate sono impegnati a tutte le ore per gestire le molteplici situazioni e criticità all’interno delle diverse aziende presenti sul territorio che sono differenti sia per grandezza che per attività produttiva.

Fiom

«La priorità per tutti dovrebbe essere fermare o perlomeno cercare di rallentare il contagio, è quello che ci chiedono i lavoratori della sanità ed è quello a cui dovrebbero aspirare tutte le aziende e non solo i sindacati, anche perché la produzione era già rallentata prima e sta ulteriormente rallentando, dato che le forniture non arrivano. I lavoratori e le lavoratrici riconoscono la gravità della situazione, ma hanno anche molta paura e questo sentimento va rispettato e considerato. Gli industriali avrebbero dovuto collaborare con i sindacati per mettere in sicurezza tutti i lavoratori e le lavoratrici, per sospendere le produzioni non indispensabili e per salvaguardare la salute del Paese. C’è ancora tempo per farlo, ma non è più possibile procrastinare», ha dichiarato Loris Scarpa, segretario generale della Fiom di Padova.

Aziende

  • In Acciaierie Venete domani mattina ci sarà un incontro fra RSU e proprietà per decidere sulla sospensione delle attività produttive.
  • La Parker era già in cassa integrazione ed è stata chiusa e svuotata oggi a causa di un caso di contagio.
  • Grazie anche allo sciopero di oggi, la Antonio Carraro sarà chiusa per due giorni per sanificazione.
  • Alla Parpas è stata chiesta la sospensione delle attività ed è stata inviata la richiesta di cassa integrazione.
  • La Carraro Drivetech è in fermo per sanificazione, per il momento i lavoratori sono in sospensione retribuita e gli impiegati sono in smart working.
  • Alla Minigears i delegati hanno accordato con la direzione la chiusura dello stabilimento dalla prossima settimana con permessi collettivi.
  • Hanno disposto la chiusura in ferie, in attesa di avere disposizioni sulla cassa integrazione la Fast, la Epta e la Hipe.
  • Alla Ima-Saf i lavoratori sono stati messi in ferie.
  • Alla DAB sono stati concordati ferie e permessi per tutti i lavoratori.
  • Alla Lofra sono stati predisposti due giorni di fermo dell’attività lavorativa.
  • La Valvitalia Group ha sospeso l’attività produttiva.
  • Alla Gn Hearing i lavoratori sono in ferie a rotazione in attesa dell’attivazione della cassa integrazione.
  • Alla ABB e alla Hiref si sta discutendo della riorganizzazione delle modalità di lavoro dei reparti produttivi, mentre gli impiegati sono stati messi in smart working.
  • Alla Ceit è stato deciso che sarà garantita la presenza minima indispensabile del personale operativo e tutti gli altri lavoratori saranno messi in sospensione retribuita.
  • I lavoratori del Consorzio Rfx sono suddivisi fra smart working e ferie.
  • La Techmocar è chiusa e i dipendenti saranno in ferie per 15 giorni.  
  • La Bedeschi ha interrotto le attività: alcuni lavoratori sono in ferie, altri in smart working.
  • Alla Ne-t by Telerete Nordest, oltre allo sciopero, hanno rimodulato le presenze per garantire solo i servizi per gli enti pubblici.
  • La Engineering ha modulato l’attività produttiva fra smart working e cassa integrazione.
  • Alla Ravagnan tutti gli impiegati sono stati messi in smart working e gli operai saranno in ferie da lunedì.
  • Alla Megius saranno tutti in ferie da lunedì.
  • Alle Argenterie Greggio si farà ricorso alla cassa integrazione.
  • Alla Bimecc Engineering spa i lavoratori sono divisi fra cassa integrazione e ferie.
  • I lavoratori della STE Energy Srl sono in smart working o in ferie.
  • Le aziende informatiche stanno facendo massiccio ricorso allo smart working.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Coronavirus scuote il mondo del lavoro, la Fiom: «Sospendere produzioni non indispensabili»

PadovaOggi è in caricamento