Il sindacato a BusItalia: «Trattamenti equi per i lavoratori»

«Abbiamo quindi chiesto nello specifico che l’azienda integri la parte mancante del salario a seguito del ricorso al Fondo Bilaterale di Solidarietà»

«Come abbiamo già scritto e chiesto - dichiarano i delegati Adl Cobas - questa crisi non la possono pagare solo i lavoratori, una crisi globale come questa deve vedere l’apporto e il contributo di tutti al fine di non veder penalizzati solo una parte dei soggetti interessati. Abbiamo quindi chiesto nello specifico che l’azienda integri la parte mancante del salario a seguito del ricorso al Fondo Bilaterale di Solidarietà, proprio per garantire comunque quelli che sono i componenti fondamentali e necessari allo svolgimento dell’attività, i lavoratori».

Decreti

«Nei Decreti Governativi è prevista. - precisano i delegati -  per chi lavora in questo periodo e che non abbia un reddito superiore a 40.000 euro un bonus di 100 euro mensili parametrato alla presenza in servizio.Noi crediamo che a partire da questo bonus l’azienda possa lavorare implementandolo della cifra necessaria per garantire i 100 euro a chi lavora e un ulteriore importo da destinare a quelli che sono a casa per arrivare a coprire la differenza salariale che si genera con il ricorso al fondo».

Equità

«Nello specifico questa ipotesi - fanno sapere - andrebbe nella direzione di garantire l’equità di trattamento tra i lavoratori, eviterebbe la rincorsa al essere a tutti i costi in servizio, una corretta turnazione utile soprattutto a garantire la salute e la sicurezza di tutti, aprirebbe una forma di solidarietà che riteniamo fondamentale in questo momento soprattutto in una azienda a capitale pubblico come questa formata da Ferrovie e Comune».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Misure

«E’ ovvio che questa misura - concludono i rappresentanti Adl Cobas -  non risolve i problemi di sicurezza legati al rischio di contagio, per questo chiediamo che si accentuino i controlli, che si perfezioni con i dispositivi necessari la distanza tra autista e passeggeri, che si continui nella sanificazione dei mezzi e nella fornitura dei dispositivi di protezione. Riteniamo anche che riconoscere in tutti i modi possibili il valore della disponibilità di tutti i lavoratori di svolgere la loro mansione debba essere garantito, e debbano essere concesse peri opportunità e pari trattamento per tutti».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Padova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento