Attacco incendiario alla sede di Forza Nuova, Leardini: «I soliti vigliacchi, non ci spaventano»

Il commento di Luca Leardini, coordinatore regionale di Forza Nuova, dopo l'attacco incendiario alla sede padovana di Forza Nuova in via Girolamo dal Santo

La porta incendiata

Dopo l'attacco incendiario alla sede padovana di Forza Nuova in via Girolamo dal Santo il direttivo del movimento politico dice la sua.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Luca Leardini

A parlare è Luca Leardini, coordinatore regionale: «Non è certo la prima volta che alcuni vigliacchi ne approfittano del buio e, coprendosi la faccia, vengono a danneggiare la nostra sede. Dalle telecamere interne si vede bene la persona che con un cappuccio calato sul volto, versa il liquido e accende il fuoco prima di scappare come fa un cane randagio alla paura di poter essere visto da qualcuno. Si tratta certamente dei soliti infami sempre pronti a colpire alle spalle, di notte o in numero ampiamente superiore. Se pensano di intimidirci con questi gesti, come sempre hanno sbagliato tutto. Noi continueremo a scendere in piazza con la nostra faccia pulita e lo faremo in un numero sempre maggiore e sempre con maggior convinzione. Forza Nuova non si fa certo impaurire dalle solite azioni vigliacche e meschine messe a segno da qualche scappato di casa. La cosa non solo non ci spaventa, ma non ci scalfisce nemmeno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento