Collaborazione a tre: incontro a Palazzo Moroni tra i sindaci di Padova, Rovigo e Belluno

Dichiarano congiuntamente i tre sindaci: «Quello odierno è stato un incontro importante che avvia un percorso di coordinamento tra i tre capoluoghi veneti a guida riformista»

Si è tenuto nella mattinata di lunedì 23 dicembre in Comune a Padova unproficuo incontro tra il sindaco di Padova Sergio Giordani, il sindaco di Rovigo Edoardo Gaffeo e il sindaco di Belluno Jacopo Massaro. Presenti anche il vicesindaco di Padova Arturo Lorenzoni e il vicesindaco di Rovigo Roberto Tovo.

L'incontro

Dichiarano congiuntamente i tre sindaci: «Quello odierno è stato un incontro importante che avvia un percorso di coordinamento tra i tre capoluoghi veneti a guida riformista. Questo anzitutto sui temi amministrativi, perché al di là delle contingenze dei prossimi mesi l’obiettivo è fare squadra in maniera duratura per risultare più efficaci e propositivi nell’interlocuzione con tutti i livelli istituzionali. Ciò nell’interesse primo delle nostre comunità e se possibile allargando questa dinamica corale a tutti quei sindaci che indipendentemente dal fatto di essere civici o esponenti di forze politiche condividano un’idea di futuro e valori comuni. Come sindaci conosciamo l’importanza della concretezza e di come le scelte delle istituzioni cambino o peggiorino le condizioni quotidiane delle persone, per questo ci sentiamo molto responsabilizzati nel portare il nostro contributo sui temi strategici che, se affrontati con coraggio e lungimiranza, definiscono in senso positivo la direzione di marcia del nostro territorio o al contrario fanno fare a tutti passi indietro che non ci possiamo permettere. La nostra è una meravigliosa regione e in ogni branca della società e dei mondi vitali possiede energie incredibili che ora serve sprigionare con forza per affrontare con determinazione tutti quei temi urgenti per renderla sempre più sostenibile, attrattiva, forte e vicina alle persone a partire da quelle più fragili. Le nuove sfide che questi tempi ci pongono non possono essere vinte all’insegna dei rancori e delle chiusure ma solo con pragmatismo, apertura e solidarietà. In vista delle prossime elezioni regionali auspichiamo e siamo certi che tutte le forze in campo che immaginano un veneto diverso sapranno allargare al massimo un fronte unito e vasto di forze civiche e politiche. Solo unendo le forze con concordia e generosità è infatti possibile strutturare un percorso all’altezza di quello che tantissimi cittadini ci chiedono creando entusiasmo e partecipazione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Serve il dialogo»

Proseguono i tre sindaci: «Nutriamo profondo rispetto per le forze politiche al Governo del Paese e dei rappresentanti veneti delle stesse, perché il loro è un ruolo importante e lo sappiamo bene. Alla stessa maniera siamo certi che la consapevolezza della concreta esistenza di un Veneto dove pulsano idee e si impegnano ogni giorno moltissime forze civiche disponibili a condividere percorsi e dare una mano sia propria di ciascuno e nessuno ne sottovaluti l’importanza. È un patrimonio di tutto il fronte riformista che va valorizzato e dal quale pensiamo sarebbe un errore pensare di prescindere. Non abbiamo la verità in tasca e non vogliamo imporre ricette, bensì siamo animati dall’unico obiettivo di condividere ed estendere verso nuove sfide le esperienze dove nell’unità e con coraggio siamo riusciti a vincere. Serve il dialogo, serve l’ascolto delle ragioni di ciascuno, serve un arricchimento vicendevole delle piattaforme programmatiche prima di parlare dei nomi e serve il rispetto delle pratiche e sensibilità di tutti per allargare un’alleanza di cambiamento e trovare insieme le cose che uniscono senza esaltare quelle che dividono. Tutto questo sapendo che prima si trova la modalità di fare squadra prima saremo in grado di spiegare assieme i nuovi contenuti di un nuovo progetto comune, cosa questa che ci sembra molto urgente. C’è insomma molto lavoro da fare e speriamo sarà possibile farlo con una coalizione ampia di forze, unite da un progetto pensato tutti assieme».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggi a Villa Contarini, giardini aperti, visite, spettacoli e sagre: il weekend a Padova

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • I cani da adottare a Padova: tutti i cuccioli da accogliere in casa

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • Focolaio del Torresino: una persona positiva tenta la fuga, le forze dell'ordine lo bloccano (Video)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento