rotate-mobile
Politica

Innocenti: «Meloni taglia il bonus cultura. Lo faccia Giordani per i giovani padovani»

L'ex candidato sindaco difende il progetto di Renzi e provoca l'amministrazione con un'idea suggestiva

Lorenzo Innocenti, candidato sindaco alle scorse elezioni comunali, avanza una proposta alla amministrazione in carica, per diventare città all'avanguardia nell'attenzione verso i giovani. Dopo la nascita di Torna Padova, Innocenti si è spostato verso il polo centrista e oggi lievita attorno al mondo di Matteo Renzi. Ed è il suo bonus cultura che difende.

Padova

«Credo che la notizia di questi giorni della cancellazione del bonus cultura da 500 euro per i neo-diciottenni da parte del governo Meloni rappresenti un cattivo segnale. Specie in tempi di crollo demografico, quando è evidente che dovremmo dimostrare maggiore e non minore attenzione per i nostri ragazzi - dice Innocenti - Se fossi nel consiglio comunale avanzerei subito la proposta di sopperire come città di Padova a questa mancanza a livello nazionale, offrendo un bonus cultura ai neo-diciottenni padovani. Stiamo parlando di una popolazione purtroppo contenuta: va stimata la spesa, ma sicuramente ne varrebbe la pena. Innanzitutto si farebbe parlare di Padova in tutto il Paese in termini positivi, comunicandoci all'esterno come una città sempre più a misura di giovani. E poi si contribuirebbe a educare i nostri giovani all'importanza della cultura, della socialità fisica e non solo virtuale, della creatività. I dati riguardanti l'utilizzo del bonus danno testimonianza di quanto questo sia stato in effetti apprezzato e non utilizzato per discoteche o altre attività non particolarmente attinenti. Libri, concerti, musica, cinema, corsi di lingua e teatro le scelte prevalenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Innocenti: «Meloni taglia il bonus cultura. Lo faccia Giordani per i giovani padovani»

PadovaOggi è in caricamento