Frase choc a ministro Kyenge, Pipitone (IdV): "Alla barbarie non c'è fine"

Il capogruppo regionale di Italia dei Valori Antonino Pipitone commenta le affermazioni su Facebook della consigliera padovana della Lega Dolores Velandro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

«Una donna che augura ad un'altra donna di essere violentata, anzi “stuprata” (il più schifoso ed inqualificabile reato che esista sulla faccia della terra): ancora non si era visto in un paese civile, tanto meno a Padova. Una schermata di computer ci dimostra che alla barbarie non c'è mai fine». Così il capogruppo regionale di Italia dei Valori Antonino Pipitone commenta le affermazioni su Facebook della consigliera padovana della Lega Dolores Velandro, contro il Ministro Cecile Kyenge.

L'ESPOSTO IN PROCURA: Sarà avviata un'indagine

TUTTI I COMMENTI: Bitonci - Cgil - Tosi - Zaia - Studenti - Rossi - Goisis

«Questa signora – prosegue il segretario provinciale IdV - non può occupare nessun ruolo pubblico. Il suo comportamento inqualificabile è purtroppo anche il frutto marcio di linee politiche esasperate, che poi portano qualcuno a dire queste bestialità. Alla Lega, per fare chiarezza, non resta che espellerla. Come cittadini di Padova e del Veneto ci aspettiamo sincere scuse, da parte di questa signora e del suo partito».

Torna su
PadovaOggi è in caricamento