rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Politica

Arianna Lazzarini della Lega: "A Roma per portare l'autonomia del Veneto" (VD)

"Ci vogliono figure che hanno contatto il territorio e con la realtà della vita delle persone", dice la candidata che non gradisce l'uscita del Pd sui candidati territoriali

Anche Arianna Lazzarini, ex assessore alle Politiche familiari, ai Servizi sociali e alle Pari opportunità della Provincia di Padova e sindaco del Comune di Pozzonovo sta compiendo una serie di incontri con i cittadini. La candidata della Lega sta facendo questo giro concentrandosi nei luoghi di incontro della città, come i mercati o i centri commerciali. Ed è al mercato del quartiere Arcella che la incontriamo. Giovane ma già con grande esperienza, è molto fiduciosa in vista del 4 marzo. "Chi sta nel Palazzo - spiega la Lazzarini - spesso si dimentica di com'è la vita fuori, per i cittadini comuni. Nei miei dieci anni di esperienza amministrativa ho sempre cercato di non perdere il contatto diretto con le persone, per questo il mio impegno non è venuto mai meno. Sociale, sanità, agricoltura sono i temi che mi sono più a cuore ma è chiaro che se sarò eletta cercherò di dare un impulso, insieme a tutti i miei colleghi della Lega, all'autonomia del Veneto. Ci sono stati così tanti tagli che hanno reso sempre più difficile amministrare realtà locali quindi il mio impegno andrà in questa direzione. I comuni piccoli sono quelli che pagano un prezzo più alto nel senso di tagli ai servizi". 

La questione ambientale

Il sociale ma anche l'ambiente, sono temi che appassionano la giovane candidata. "Quello dell'ambiente è un tema che mi appassiona molto, la zona della bassa padovana, il parco colli, sono zone che hanno una loro particolarità e che vanno valorizzate e protette. Va fatto un ragionamento programmatico, complessivo, su queste zone. Per il bene dell'intera comunità. Stesso discorso per la viabilità e per i servizi".

La legge elettorale e la non polemica con il PD

Inevitabile poi una domanda sul sistema elettorale, che non raccoglie grandi entusiasmi, concetto espresso da Massimo Bitonci a suo tempo e sul quale torna pure la Lazzarini: "La legge elettorale non ci favorisce. Ma la Lega ha scelto figure locali, amministratori locali o ex sindaci. Non voglio fare polemiche con nessuno ma fa sorridere che dal Pd ci critichino perché non candidiamo figure del territorio mentre è esattamente il contrario. Sarebbe bello, anche in politica, che ogni uno guardasse a casa propria prima di criticare gli altri. Ma è meglio non cadere in polemiche che francamente non sento affatto mie. Andiamo avanti per la nostra strada e siamo certi che così comportandoci raccoglieremo il risultato che auspichiamo". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arianna Lazzarini della Lega: "A Roma per portare l'autonomia del Veneto" (VD)

PadovaOggi è in caricamento