rotate-mobile
Politica

Legambiente: «La Prandina diventi parco. Dimezzare da subito l'area destinata al parcheggio»

«Non si può ignorare la legge del 1971, è tuttora vigente - dichiara Sergio Lironi, Presidente Onorario di Legambiente Padova - Lo avevamo già ricordato negli incontri del 2019 di Agenda 21»

Legambiente torna a spingere affinché la Prandina diventi un parco. E lo fa tornando su quanto diverse associazioni culturali e ambientaliste hanno ricordato nei giorni scorsi: il 1° luglio 1971 infatti, la quinta Commissione del Senato della Repubblica aveva approvato, in sede deliberante, un apposito disegno di legge (già precedentemente approvato dalla Camera dei Deputati) per autorizzare la vendita a trattativa privata al Comune di Padova di circa 49.000 mq della “Caserma Prandina”. Rilanciando fa una serie di richieste all'amministrazione, tra cui il dimezzamento dell’area attualmente destinata in via provvisoria a parcheggio, destinando la parte liberata dalle auto a spazio attrezzato per mercatini tematici, iniziative culturali e spettacoli.

1971

«Era un documento conosciuto è già menzionato negli incontri del 2019 di Agenda 21 - dichiara Sergio Lironi, Presidente Onorario di Legambiente Padova - ma la novità sta nel fatto che, come hanno messo in luce Luisa Calimani e Nicola Lovisatti insieme a  Paolo Maddalena, già Presidente della Corte Costituzionale, sulla base di quanto affermato dal Protocollo sottoscritto con il Demanio dello Stato, la legge del 1971 è tuttora vigente. Non solo. La permuta effettuata per l’acquisto della ex caserma si fonda giuridicamente proprio su quella legge. Un aspetto che incredibilmente sembra essere sfuggito a chi, da parte dell’amministrazione comunale, quel protocollo ha approvato e sottoscritto.
Sembra dunque che si sia giunti ad un punto fermo, prosegue Lironi, nell’area dell’ex caserma va realizzato un parco, un’oasi di verde a beneficio dei cittadini, escludendo ogni ipotesi di parcheggio a servizio dei commercianti del centro storico o l’edificazione di nuove strutture non strettamente funzionali alla vita ed alla fruizione del parco».

Agenda 21

«La direzione strategica - proseguono da Legambiente - è senza dubbio quella già indicata dai lavori di Agenda 21, chiaramente riassunti dalla deliberazione della stessa Giunta Comunale del 23 luglio 2019. Per la sistemazione complessiva dell’area va inoltre indetto un concorso pubblico di progettazione, basato su alcuni fondamentali criteri, tra i quali: l’evocazione delle funzioni storiche del luogo e la stretta relazione con il parco delle mura; il rafforzamento della resilienza urbana; la possibilità di procedere per stralci successivi prevedendo momenti di informazione, ascolto e dialogo con i cittadini. Nel brevissimo periodo va infine richiesto all’Amministrazione di avviare una serie di interventi volti a rendere fruibile l’area fin da subito». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legambiente: «La Prandina diventi parco. Dimezzare da subito l'area destinata al parcheggio»

PadovaOggi è in caricamento