menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Liberi e Uguali: "Zaia rispetti gli impegni assunti in materia di sicurezza sul lavoro"

Dopo l'incidente mortale alla Maus vanno adottati i provvedimenti necessari e non più rinviabili in materia di sicurezza sul lavoro, a partire dal rafforzamento degli Spisal.

Riceviamo e pubblichiamo

Liberi e Uguali Padova esprime vicinanza e solidarietà alla famiglia del lavoratore ha perso la vita alla Maus di Campodarsego. Contestualmente, torna a chiedere alla Giunta Zaia di rispettare gli impegni assunti e di adottare i provvedimenti necessari e non più rinviabili in materia di sicurezza sul lavoro, a partire dal rafforzamento degli Spisal.

Zaia

"Si tratta dell'ennesimo infortunio mortale sul lavoro in Veneto, che coinvolge come spesso accade un lavoratore di una ditta esterna. Sono 43 i lavoratori morti in Veneto a partire dall'1 gennaio 2018, secondo l'Osservatorio indipendente morti sul lavoro di Bologna, la peggior regione d'Italia. Peggio anche della Lombardia, che pure ha circa il doppio di occupati". Così il consigliere regionale Piero Ruzzante (Liberi e Uguali), che chiama in causa la Giunta regionale. "Come Liberi e Uguali chiediamo alla Giunta Zaia il rispetto degli impegni assunti - dichiara Ruzzante - perché per fermare la strage bisogna passare dalle parole ai fatti. Nel caso di morti sul lavoro è sbagliato parlare di fatalità - conclude l'esponente di Liberi e Uguali - perché ci sono sempre delle cause, esistono sempre dei campanelli d'allarme come ad esempio i quasi infortuni. Tutti questi aspetti vanno individuati e affrontati tramite la prevenzione, in modo da ridurre il numero di infortuni e cancellare il triste primato del Veneto prima regione per decessi dei lavoratori".

Il consiglio

Il Consiglio regionale del Veneto nella seduta del 22 maggio 2018 ha approvato all'unanimità la mozione n. 322 "Sicurezza sul lavoro in Veneto: proposte per un intervento regionale" presentata dal consigliere Ruzzante (Liberi e Uguali), che ha preso lo spunto dal documento, riportato integralmente, “Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro al tempo di industria 4.0: il ruolo della contrattazione, le responsabilità dell’impresa” approvato all’unanimità il 22 marzo 2018 dai delegati delle sigle sindacali Fim Fiom Uilm del Veneto e dai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento