Magazzini Alì: camion forza presidio lavoratori. Adl Cobas: «Un fatto grave e pericoloso»

«Durante lo sciopero - raccontano i sindacalisti - al magazzino Alì un autista è uscito dal deposito a grande velocità e contromano. C'è mancato poco che succedesse qualcosa di molto grave ai lavoratori»

Mercoledì 9 settembre è cominciata, con quattro ore di sciopero indetti da Adl Cobas, una nuova mobilitazione dei lavoratori che operano nei magazzini Alì in zona industriale a Padova. Giovedì 10, il giorno successivo, i lavoratori si sono dati appuntamento alle sei, all'apertura dei cancelli per un presidio.

Blocco forzato

«Durante lo sciopero - raccontano i sindacalisti - al magazzino Alì un autista è uscito dal deposito a grande velocità e contromano. C'è mancato poco che succedesse qualcosa di molto grave ai lavoratori. Questo è il clima che si vive spesso nei magazzini della logistica, di provocazioni e odio contro chi lotta per i suoi diritti. Un clima conseguente alla continua volontà di Alì di far fuori Adl Cobas. Ma come sempre, non lo permetteremo. Vogliamo riconosciuti tutti i diritti sindacali, vogliamo poter fare assemblee, vogliamo il riconoscimento dei rappresentanti dei lavoratori», dichiarano i sindacalisti di Adl Cobas. «La mobilitazione nasce dalla necessità di vedere riconosciuti i diritti sindacali all'interno del luogo di lavoro. In particolare i lavoratori chiedevano di incontrarsi con il loro sindacato, Adl Cobas, che però Alì non riconosce nonostante sia quello con più iscritti nel magazzino».

Sindacato

Il sindacato chiede chiarezza sugli orari dei turni, la sospensione di interventi disciplinari ai danni di alcuni lavoratori, uno in particolare colpito da diversi lutti nelle ultime settimane e che secondo l'azienda sarebbe mancato al lavoro senza motivazione. Dopo le quattro ore di sciopero di mercoledì anche il giovedì ci sono state mobilitazioni. E' stato quindi indetto un presidio, cominciato alle sei del mattino con l'apertura dei cancelli. Sarebbe però accaduto un fatto molto grave che i lavoratori hanno denunciato alle autorità. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento