Mario Adinolfi venerdì a Padova: "Salvini e Meloni votino no"

PdF Padova: “La sconfitta al referendum ci libererebbe da Conte e Di Maio”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Adinolfi: “SALVINI E MELONI VOTINO NO” PdF Padova: “La sconfitta al referendum ci libererebbe da Conte e Di Maio” Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, rivolge un appello ai leader di Lega e Fratelli d’Italia in vista del referendum: «I sondaggi raccontano di una sconfitta delle sinistre in Puglia e addirittura nelle Marche, dove governano ininterrottamente dal 1970, dall’istituzione delle regioni in Italia. Sono certo che Matteo Salvini e Giorgia Meloni capiscano che se a questo dato si sommasse la sconfitta del M5S al referendum, su una riforma che è bandiera dei pentastellati, allora Conte e Di Maio non potrebbero restare al governo un minuto di più. Viceversa, la vittoria dei sì servirebbe a mascherare i risultati elettorali della Meloni che conquisterebbe due regioni e di Salvini primo partito. Il Popolo della Famiglia, convintamente schierato sul no al referendum da tempo, rivolge un appello a Meloni e Salvini affinché votino no. Ci sono venti giorni di tempo per politicizzare il referendum. Berlusconi lo ha già capito e pare pronto a ufficializzare il no suo e di Forza Italia. Se Salvini e Meloni si schierassero contro l’inutile e dannosa riforma grillina, il tempo della liberazione dal governo grillino sarebbe arrivato. È autolesionismo chiedere le elezioni anticipate e contemporaneamente votare sì al referendum. Auspico un recupero di ragionevolezza politica, senza calcoli e timori». Concludono dal PdF Padova «Venerdì 4 settembre avremo ospite in città Mario Adinolfi per la presentazione del suo ultimo libro “IL GRIDO DEI PENULTIMI”, dedicato a chi in tempo di Covid ha avuto risposte fumose e incomplete da un Governo malato di annuncite. Al referendum sul “taglio dei parlamentari” voteremo convintamente NO perché la Democrazia non deve essere considerata un costo da tagliare, e da assottigliare. Altrimenti, e lo diciamo provocatoriamente, eliminiamo il Parlamento così risparmieremo molto di più».

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento