Lunedì, 21 Giugno 2021
Politica

Mario Adinolfi venerdì a Padova: "Salvini e Meloni votino no"

PdF Padova: “La sconfitta al referendum ci libererebbe da Conte e Di Maio”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Adinolfi: “SALVINI E MELONI VOTINO NO” PdF Padova: “La sconfitta al referendum ci libererebbe da Conte e Di Maio” Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, rivolge un appello ai leader di Lega e Fratelli d’Italia in vista del referendum: «I sondaggi raccontano di una sconfitta delle sinistre in Puglia e addirittura nelle Marche, dove governano ininterrottamente dal 1970, dall’istituzione delle regioni in Italia. Sono certo che Matteo Salvini e Giorgia Meloni capiscano che se a questo dato si sommasse la sconfitta del M5S al referendum, su una riforma che è bandiera dei pentastellati, allora Conte e Di Maio non potrebbero restare al governo un minuto di più. Viceversa, la vittoria dei sì servirebbe a mascherare i risultati elettorali della Meloni che conquisterebbe due regioni e di Salvini primo partito. Il Popolo della Famiglia, convintamente schierato sul no al referendum da tempo, rivolge un appello a Meloni e Salvini affinché votino no. Ci sono venti giorni di tempo per politicizzare il referendum. Berlusconi lo ha già capito e pare pronto a ufficializzare il no suo e di Forza Italia. Se Salvini e Meloni si schierassero contro l’inutile e dannosa riforma grillina, il tempo della liberazione dal governo grillino sarebbe arrivato. È autolesionismo chiedere le elezioni anticipate e contemporaneamente votare sì al referendum. Auspico un recupero di ragionevolezza politica, senza calcoli e timori». Concludono dal PdF Padova «Venerdì 4 settembre avremo ospite in città Mario Adinolfi per la presentazione del suo ultimo libro “IL GRIDO DEI PENULTIMI”, dedicato a chi in tempo di Covid ha avuto risposte fumose e incomplete da un Governo malato di annuncite. Al referendum sul “taglio dei parlamentari” voteremo convintamente NO perché la Democrazia non deve essere considerata un costo da tagliare, e da assottigliare. Altrimenti, e lo diciamo provocatoriamente, eliminiamo il Parlamento così risparmieremo molto di più».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mario Adinolfi venerdì a Padova: "Salvini e Meloni votino no"

PadovaOggi è in caricamento