Politica Piazze / Piazza dell Insurrezione

Il Ministro Di Maio alla Camera di commercio di Padova incontra gli imprenditori veneti

«Abbiamo una rete su cui potete contare per rafforzare le vostre azioni di export perché esportare significa portare prodotti all’estero e lasciare il lavoro in Italia. Si tratta di una grande tradizione italiana che rappresenta il 32% del nostro Pil e sarà fondamentale per la ripresa»

Il Ministro, Luigi Di Maio, a Padova

Luigi Di Maio ha partecipato ad un incontro organizzato dalla camera di commercio di Padova dal titolo “Patto per l’Export, strumenti e opportunità per le pmi” che si è tenuta a Padova nel pomeriggio del 2 febbraio. «Veneto e Lombardia da sole rappresentano il 40% dell’export italiano – ha aggiunto il Ministro – e sono purtroppo le due regioni più colpite dal virus e in questi giorni anche in difficoltà per il maltempo». 

Aziende

Ad attendere il Ministro degli Esteri in piazza Insurrezione il Sindaco di Padova, Sergio Giordani, il Presidente della Provincia, Fabio Bui  e le altre autorità cittadine e militari. Di Maio è a Padova per illustrare il piano di sostegno alle aziende: «Abbiamo una rete su cui potete contare per rafforzare le vostre azioni di export perche’ esportare significa portare prodotti all’estero e lasciare il lavoro in Italia. Si tratta di una grande tradizione italiana che rappresenta il 32% del nostro Pil e sara’ fondamentale per la ripresa». 

Scadenze

Ha parlato non solo di economia, ma anche delle vicine scadenze elettorali e referendarie: «Dobbiamo tagliare 345 parlamentari. In Germania hanno 700 parlamentari eletti, noi ne abbiamo 945. Se vince il Sì, si va a 600 parlamentari ed è un’opera di modernizzazione del Paese che torna finalmente ad essere un paese europeo dal punto di vita del numero dei parlamentari – ha dichiarato Di Maio riferendosi al voto del referendum - Tra comuni, regioni, comunita’ montane, consigli di quartiere non c’è certo un problema di democrazia se togliamo 345 poltrone. Adesso che è stata fissata una data per la legge elettorale tutti i partiti siano trasparenti nel votare e nel sostenere il ‘si’ al referendum. Chi sostiene il ‘si’ adesso lo faccia in maniera trasparente perche’ non ci sono piu’ scuse». Sulle regionali ha fatto un po' di autocritica ma poi ha rilanciato: «Il Moviemnto 5 Stelle è sempre stato presente in Veneto e ha dato il massimo negli ultimi cinque anni. Il Movimento sostiene pienamente il candidato Enrico Cappelletti e darà il massimo».

Banche popolari

All'arrivo del Ministro, poco distante dalla camera di commercio, presenti con bandiere e striscioni, un gruppo di creditori, vittime del crack delle banche popolari venete. Fanno parte del Gruppo Don Torta che mette insieme migliaia di persone che hanno perso i loro risparmi. La maggior parte di loro giunge da Vicenza. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Ministro Di Maio alla Camera di commercio di Padova incontra gli imprenditori veneti

PadovaOggi è in caricamento