menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mobilità: la candidata padovana Ostanel attacca la Regione sulle "competenze"

«L'assessora De Berti scrive che la responsabilità è del governo, ma la competenza è della Regione Veneto. Basta scaricare le responsabilità altrove, serve rispondere ai bisogni delle famiglie e dei ragazzi che devono tornare a scuola in sicurezza»

Elena Ostanel, candidata capolista al consiglio regionale del Veneto, risponde all'assessora De Berti sulla querelle nata attorno alle direttive sul trasporto pubblico.

Scuola

«Basta falsità, è la Regione che deve garantire i trasporti pubblici in sicurezza per i nostri studenti che tornano a scuola il 14 settembre. Il Governo ha destinato 40 milioni di euro alla sola Regione Veneto per sostenere i trasporti pubblici. La Regione avrebbe dovuto trasferirne una parte alle aziende per coprire le perdite accumulate in questi mesi (e permettere a tutti noi di continuare ad avere delle corse). Avrebbe potuto anche destinarli alle famiglie per rimborsare gli abbonamenti fatti durante i mesi di lockdown. Ma non ha fatto niente di tutto questo», ha dichiarato Ostanel. 

Responsabilità

«Forse è per questo - prosegue la candidata per Il Veneto che Vogliamo - che la assessora De Berti scrive che la responsabilità è del governo, ma la competenza è della Regione Veneto. Basta scaricare le responsabilità altrove, serve rispondere ai bisogni delle famiglie e dei ragazzi che devono tornare a scuola in sicurezza. Il 14 settembre le scuole riapriranno, finalmente: servono corse aggiuntive del trasporto pubblico per garantire la sicurezza dei nostri figli, ma, nonostante la richiesta degli Istituti Scolastici, la Regione ha detto che non saranno aumentate. È ora di prendersi le proprie responsabilità se il 14 settembre le corse dei bus non saranno in sicurezza sapremo a chi chiedere risposte».

Elena Ostanel-3

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento