menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da  Montegrotto a Majur in Croazia: stufe, coperte, vestiti caldi per far fronte all’emergenza terremoto

Qualche giorno fa due mezzi del Comune sono partiti alla volta di Majur, comune croato di 1.400 abitanti a circa 10 km dall’epicentro del terremoto

Come due amici che al momento del bisogno tornano a sentirsi e a darsi una mano: il rapporto tra il Comune di Montegrotto Terme tramite l’Auser e in particolare il Consigliere Comunale Silvio Nardo con le comunità della ex Jugoslavia è antico, risale agli anni Novanta e non si è mai interrotto. Proprio per questo, dopo il terremoto che  29 dicembre ha colpito la Croazia, l’amministrazione comunale, l’Auser sampietrino e l’Auser provinciale hanno raccolto l’appello per la richiesta di aiuti urgenti.

Aiuti

Qualche giorno fa due mezzi del Comune sono partiti alla volta di Majur, comune croato di 1.400 abitanti a circa 10 km dall’epicentro del terremoto. I volontari hanno portato e distribuito agli abitanti delle varie frazioni 11 cucine economiche, 400 kg di pasta, vestiario invernale (giacconi, pantaloni e maglioni), prodotti per l’igiene personale, giocattoli e dolci per bambini. «Il territorio - spiega il consigliere Silvio Nardo di ritorno dalla missione, dove è anche stato intervistato dalla tv nazionale - era già stato distrutto nel corso del conflitto bellico degli anni Novanta. Ora, dopo la ricostruzione, questa nuova tragedia del terremoto, proprio nell’anno della pandemia. I cittadini sono molto provati e sono stati molto grati degli aiuti che abbiamo portato. Ci siamo ripromessi di tornare presto con nuovi aiuti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento