menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vanda Pellizzari, Eleonora Mosco, Vera Sodero, Alain Luciani, Roberto Carlo Moneta

Vanda Pellizzari, Eleonora Mosco, Vera Sodero, Alain Luciani, Roberto Carlo Moneta

Opposizione scatenata dopo l'accoltellamento: "Giordani risponda coi numeri o rimetta la delega alla sicurezza"

Una diretta Facebook per protestare contro la gestione della sicurezza da parte della maggioranza. Luciani: "Vogliamo dati e numeri concreti sulle operazioni in città"

Una linea durissima, con un attacco altrettanto duro all'amministrazione Giordani e al sindaco in primo luogo. In una diretta Facebook trasmessa poco dopo le 13 sulla pagina della consigliera Eleonora Mosco, l'opposizione fa la voce grossa e chiede risposte all'indomani dell'accoltellamento che ha scosso il centro storico.

Il sit-in

Eleonora Mosco, Vanda Pellizzari, Alain Luciani, Roberto Carlo Moneta e Vera Sodero sono scesi in strada e hanno chiamato in causa il primo cittadino, domandando a gran voce misure concrete e dati sulle operazioni legate alla sicurezza messe in atto nell'ultimo anno da Palazzo Moroni.

Eleonora Mosco

"Un fatto terribile, proprio nel giorno di Sant'Antonio, con tanti padovani e turisti in giro che si sono trovati esposti al rischio di rimanere coinvolti - afferma la consigliera di Forza Italia -.Da un anno a questa parte questi atti sono in costante crescita, non solo in periferia ma ormai anche in centro". Le parole rivolte direttamente a Giordani sono dure: "Il sindaco ha anche la delega alla sicurezza: dovrebbe esercitare nuovi e maggiori diritti e poteri, di repressione e prevenzione, invece siamo nell'immobilismo più totale", prosegue Mosco. Netto l'invito al primo cittadino: "Rimetta la delega. Si è dimostrato palesemente incapace di intervenire, la consegni a chi può gestirla".

Alain Luciani

Dello stesso avviso e dai toni ancor più infuocati l'intervento del leghista Luciani, che senza mezzi termini pretende dall'amministrazione comunale dati concreti sulle operazioni di sicurezza. "Rispondano con i numeri: quanti daspo sono stati emessi nell'ultimo anno? Quanti criminali sono stati allontanati dalla città? Quanti sono gli interventi? La risposta è zero", afferma il consigliere. "Pretendiamo che questi individui vengano mandati via dalla città, non hanno nessun diritto" prosegue, attaccando l'atteggiamento di Giordani che a suo dire non fa squadra con le forze dell'ordine nei momenti critici.

Vanda Pellizzari e Vera Sodero

Chiosano anche Vanda Pellizzari e Vera Sodero, sottolineando come la popolazione si senta insicura. Perentoria la leghista, che non ha potuto esimersi dal riferimento alla tristemente nota vicenda della nave Aquarius e dei suoi 700 migranti bloccati a bordo dopo la chiusura dei porti da parte del ministro Salvini. "Chi scappa dalla guerra deve essere aiutato, ma chi viene qui a delinquere non è il benvenuto - afferma Sodero -. Tutti si lavano le mani della gestione di queste persone una volta arrivate. E infatti vagabondano per la città e commettono reati: l'amministrazione deve responsabilizzarsi".

Roberto Carlo Moneta

L'ultimo a intervenire è Roberto Carlo Moneta, che si riferisce nello specifico al caso dell'accoltellamento: "Il problema è il disinteresse per la città. Questi criminali non vengono nemmeno ricercati, ieri nessuno è intervenuto. Si permettono di fare quello che vogliono perchè sanno di rimanere impuniti: volgiamo risposte concrete", conclude.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento