Polizia locale, Luciani attacca Giordani e Fontolan: «Passato un messaggio vergognoso»

Il consigliere comunale della Lega tuona contro il sindaco di Padova e il comandante della polizia locale: «Non si devono permettere di dire una cosa simile»

Alain Luciani

«Vergognoso». Alain Luciani, consigliere comunale della Lega, utilizza più volte questo termine. E senza paura, nonostante le persone a cui è rivolto.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Polizia locale

Lo utilizza nel corso di un'accesa conferenza stampa da lui convocata nella sala Minoranze del Comune di Padova. Tema: la scelta - aspramente criticata dai sindacati, pronti a scioperare - di modificare dal primo marzo gli orari degli agenti di polizia locale, passando dalla attuali sette ore al giorno suddivise in cinque giorni a settimana alle future sei ore per sei giorni settimanali. O meglio, a infastidire Luciani sono state le dichiarazioni rilasciate dal sindaco Sergio Giordani («Chiunque preferirebbe non lavorare di sabato, ma per quanto mi riguarda è un giorno come un altro e dunque voglio una maggiore presenza dei vigili per tutelare la sicurezza dei padovani») e da Lorenzo Fontolan, comandante della polizia locale. Tanto che il consigliere della Lega tuona: «Giordani e Fontolan hanno diffuso un messaggio irrispettoso e vergognoso, non si devono permettere di dire una cosa simile. Reputo sconvolgente che affermino che gli agenti non vogliono lavorare di sabato, ma stiamo scherzando? Oltretutto devono spiegarmi dove pensano di trovare 140 agenti visto che al momento al sabato ne lavorano già 80 suddivisi in quattro turni e possono arrivare al massimo fino a 105. Vogliono uniformare gli orari alle altre province? La polizia locale di Padova dal 2014 ha adottato un nuovo regolamento e di conseguenza un nuovo orario seguendo il modello di quella di Milano, che è un'eccellenza a livello nazionale, e adesso il sindaco e il comandante, che in un anno non sono riusciti a raggiungere un accordo che soddisfi tutti, compiono questa scelta che ci fa tornare indietro di 20 anni. È la prima volta che viene minacciato uno sciopero, il che fa capire la gravità della vicenda, e reputo un'esagerazione che il prefetto minacci di precettare gli agenti che decideranno di farlo. Ribadisco: reputo vergognoso che dal sindaco Giordani e dal comandante Fontolan passi un messaggio del genere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: nuovi casi in provincia, negativo il tampone del presunto "paziente zero". Scuole, università, uffici chiusi

  • Coronavirus, c'è un contagiato a Vigodarzere. É uno degli infettati a Dolo

  • Coronavirus: primi due casi sospetti nel Padovano, l’ospedale di Schiavonia verrà svuotato

Torna su
PadovaOggi è in caricamento