rotate-mobile
(nessun video da visualizzare)

Ostellari (sotto scorta) in visita al Due Palazzi: «Nessun passo indietro sul 41bis. Intercettazioni strumento utilissimo»

Nel giorno in cui gli viene assegnata la scorta in seguito ad alcune minacce pervenute, sembrerebbe, dalla cosiddetta galassia anarchica, il sottosegretario in visita al carcere di Padova non si nega alle domande sui temi caldi di questi giorni

Sono tanti i cronisti in attesa di incontrarlo, nel giorno in cui esce la notizia che, in seguito ad alcune minacce pervenute dalla cosiddetta galassia anarchica, gli è stata assegnata la scorta provvisoria. La decisione finale in merito a questo sarà presa poi dal prefetto di Roma il prossimo 10 febbraio, ma la richiesta è partita la scorsa settimana direttamente dal Ministero della Giustizia e la scorta c'è già. Il sottosegretario Andrea Ostellari, dopo le visite al carcere di Opera, lo stesso giorno dell'arrivo del detenuto Cospito trasferito dalla Sardegna dopo settimane di sciopero della fame per protesta contro la misura che lo vede al 41 bis, e quella al carcere di Trento a inizio settimana, ha passato diverse ore in compagnia del personale e incontrato alcuni detenuti. Poco dopo le 13 si è presentato alla stampa. Non ha fatto commenti sulla scorta, mentre non si è negato per quanto riguarda i temi caldi della giustizia che stanno alimentando la discussione politica. Sul caso Cospito è chiaro, «nessun passo indietro sul 41bis. E' stato pensato per le situazioni di crisi e di pericolo, che non è rappresentato dalla mafia ma anche dal terrorismo. Questo Paese non può essere ostaggio dei violenti». Ha parlato anche di intercettazioni, che ha difeso anche se ha sottolineato che vanno regolamentate «perché la privacy dei cittadini è sacra». Ha anche evidenziato l'importanza delle pene alternative e ai percorsi di recupero, elogiando il lavoro fatto al Due Palazzi dal direttore Mazzeo e del suo staff. 

Ostellari in visita al 2 Palazzi di Padova

Video popolari

PadovaOggi è in caricamento