"Padova Sicura" annuncia un incontro con il questore e una raccolta firme per difendere i decreti sicurezza

Silvia Carpanese (Fratelli d'Italia) plaude all’operato della polizia: «La mano forte del questore Isabella Fusiello si vede»

«Ci voleva un questore donna per iniziare a mettere mano alla situazione incancrenita da anni delle zone più degradate di Padova. Credo che Padova e soprattutto le donne padovane devono dire grazie alla cocciutaggine del questore Isabella Fusiello se finalmente la sera si può passeggiare con meno paura in centro storico. Ma ancora rimane molto da fare nei quartieri e mi riferisco in particolare alla zona della Stazione ferroviaria e della prima Arcella.
Con alcune componenti del Circolo “Padova Sicura” incontreremo la signora Questore per dirle il nostro personale grazie per quanto la polizia sta facendo in città”. Ad annunciarlo la presidente del circolo di Fratelli d’Italia “Padova Sicura” Silvia Carpanese, che plaude all'operato della polizia, molto più presente e visibile specie nelle ore notturne negli ultimi mesi in città.

Protezione

«Sono sicura che gli uomini delle forze dell'ordine non abbasseranno la guardia - aggiunge Silvia Carpanese - la città necessita di un lavoro continuo di protezione e prevenzione. La Giunta Giordani in questo non ha aggiunto nulla a quanto fatto dall’amministrazione precedente, che aveva preparato tutto per l’apertura del posto di polizia municipale a San Carlo. Credo sia ora di pensare ad un nuovo posto di polizia municipale anche per la zona sud, per un controllo mirato del territorio, tanto più a fronte delle chiusure di molte attività nel periodo di lockdown, che “spengono” la città». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Circolo

Il Circolo “Padova Sicura” inoltre attiverà una raccolta firme nelle prossime settimane per difendere il Decreto Sicurezza, già approvato dal governo Conte1, che include al suo interno anche il Codice Rosso a tutela della donna: «Padova deve tornare ad essere sempre di più una città vivibile e fruibile dai suoi cittadini in tutti i quartieri - spiega Silvia Carpanese - una città sicura non solo per i padovani ma anche per i turisti che vogliono visitarla, godendone la bellezza artistica e monumentale, come dice la canzone: “…quando torno a Padova mi sento a casa mia”. Gli unici che devono continuare a sentirsi stranieri a Padova sono i delinquenti, di qualunque nazionalità essi siano».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • Formaggi a Villa Contarini, giardini aperti, visite, spettacoli e sagre: il weekend a Padova

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • Focolaio del Torresino: una persona positiva tenta la fuga, le forze dell'ordine lo bloccano (Video)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento