Padovanelle, Pipitone (IdV): "Salviamo i cavalli"

Il consigliere regionale di Italia dei Valori interviene sulla situazione che si sta verificando all'ippodromo di Padova

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

«Non possiamo che ribadirlo: non è possibile far finta di niente. La situazione è drammatica e il rischio di lasciar cadere, vittime dell'incuria, i cavalli delle Padovanelle è reale». Così Antonino Pipitone, consigliere regionale di Italia dei Valori, sulla situazione che si sta verificando all'ippodromo di Padova.

«Ancora il 22 febbraio – prosegue Pipitone - avevo presentato in Regione un'interrogazione intitolata “Salviamo l’Ippodromo “Le Padovanelle” di Padova. Evitiamo lo sfratto di cavalli e la perdita di posti di lavoro”. Da allora il silenzio. Non ho avuto nessun segnale informale dalla Giunta Zaia e nemmeno una risposta ufficiale».

«Adesso – aggiunge il dipietrista padovano – riqualificare la struttura dell’ippodromo e renderla di nuovo competitiva nel panorama ippico nazionale passa in secondo piano, rispetto al benessere degli animali “intrappolati” nei box dell'ippodromo. Servizi sospesi, 30 persone a casa, nessuna pulitura dei ricoveri e niente acqua. Lo scenario è da brivido, sembra un film horror. Gli assessori competenti ci aiutino a cambiare pellicola.

Torna su
PadovaOggi è in caricamento