Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica

Il Partito dei Veneti: «La bandiera del Veneto? Esponiamo l'originale, quella blu»

«Se la versione rossa è  stata illegittimamente e impropriamente fatta sua dalla Lega, la tradizione invece vuole che la versione blu sia quella originaria. Sventoliamo con orgoglio»

La polemica sulla bandiera con il Leone di San Marco dopo che è stato negato l’ingresso al vessillo durante la partita tra Padova e Sud Tirol non accenna a placarsi. E dal PdV, anche da parte di esponenti cittadini come Federico Contin, sono dure le critiche, tutte dirette alla Lega. E arriva anche una proposta che potrebbe sparigliare le carte, almeno dal punto di vista simbolico. «Se la versione rossa è  stata illegittimamente e impropriamente fatta sua dalla Lega, la tradizione invece vuole che la versione blu sia quella originaria».

PDV

«E siccome in ogni caso quella che espongono non è qualcosa di loro, bisogna esibirla - fa sapere l’esponente del PdV -  con orgoglio, con senso di appartenenza. Perché rappresenta un messaggio di pace, di unità e di fratellanza. Il Leone di San Marco a sfondo blu con i bordi dorati, esponiamola dappertutto».

Venezia

«Vedere - conclude Contin - questo brutto spettacolo, questo teatrino politico, con lo scarico di responsabilità dopo quanto accaduto a Venezia e su tutto il litorale, ci ha di fatto mostrato i limiti di chi governa il Veneto da troppi anni. Ed è paradossale vedere invece da quelle stesse cariche ed esponenti del partito, mostrare i muscoli quando si parla della bandiera della Regione». Poi conclude: «Certa politica, anzi diciamolo chiaro, la Lega, ha finito per appropriarsi di un vessillo che è di tutti. Il grave è che glielo si è lasciato fare».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Partito dei Veneti: «La bandiera del Veneto? Esponiamo l'originale, quella blu»

PadovaOggi è in caricamento