Plateatici, sarà attivato un tavolo tecnico per esaminare i casi particolari: l'esito dell'incontro

Questa la decisione presa al termine dell'incontro dedicato ai plateatici nell'area del centro storico di Padova svoltosi nella mattinata di mercoledì 30 ottobre in Soprintendenza e a cui hanno partecipato il Comune e i rappresentanti delle associazioni di categoria interessate

Un tavolo tecnico per esaminare le situazioni particolari: questa la decisione presa al termine dell'incontro dedicato ai plateatici nell'area del centro storico di Padova svoltosi nella mattinata di mercoledì 30 ottobre in Soprintendenza e a cui hanno partecipato il Comune e i rappresentanti delle associazioni di categoria interessate.

L'incontro

Nel corso dell’incontro il Soprintendente Vincenzo Tiné ha avuto modo di illustrare i criteri generali che hanno ispirato la nota con la quale l’ente ha fissato nei mesi scorsi le condizioni per la regolarizzazione dei dehors in centro storico ai sensi del Codice dei Beni Culturali. Criteri che si riferiscono agli spazi e agli elementi di arredo e che saranno il riferimento per tutta l’area di competenza della Soprintendenza in Veneto. Con l’occasione sono stati esaminati gli aspetti di natura giuridica e la natura degli strumenti di applicazione delle norme che stanno consentendo, in questa fase, la regolarizzazione delle concessioni rilasciate dal Comune, superando dubbi e necessità di chiarimento emerse nel dibattito di questi mesi. In proposito la Soprintendenza ha sottolineato la necessità che il Comune completi il lavoro di regolarizzazione entro la fine dell’anno per dare seguito al processo autorizzativo già anticipato con riserva dall’ente.

Tavolo tecnico

L’assessore Antonio Bressa e i rappresentanti delle associazioni di categoria hanno quindi avuto modo di rappresentare alcune difficoltà applicative che rendono il processo di regolarizzazione ancora problematico per un ristretto numero di casi ancora meritevoli di confronto e discussione. Dei 240 dehors in centro storico, in massima parte già autorizzati dalla Soprintendenza, sono 69 quelli che hanno ricevuto prescrizioni obbligatorie per l’adeguamento e di questi sono circa 15-20 i casi ancora oggetto di attenzione da parte del Comune e della Soprintendenza. Con riferimento a questi casi si è quindi concordato di attivare, in tempi ristretti, un tavolo tecnico che avrà il compito di esaminare questi casi critici per la puntuale applicazione dei criteri generali fissati dalla Soprintendenza, tenendo conto della specifico contesto urbano e monumentale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Antonio Bressa

L’assessore Antonio Bressa sottolinea: «Ringrazio la Soprintendenza per il coinvolgimento delle Associazioni di Categoria in questo percorso di interlocuzione e per l’ascolto delle problematiche che sono state riportate. Sono fiducioso che al tavolo tecnico potremo conseguire nuovi sviluppi nel segno di coniugare la tutela dei beni culturali con le esigenze economiche e di vivibilità del centro storico, superando alcune situazioni di problematica applicazione dei criteri definiti. Attraverso il dialogo e il coinvolgimento degli attori coinvolti possiamo uscire da questo complesso passaggio obbligato dando a Padova un assetto regolare e definitivo dei plateatici, ascoltando anche le esigenze di chi con essi sostiene la propria attività economica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: quattro morti in provincia di Padova, anche il custode di Villa Marin

  • Coronavirus, Zaia: «Si tornerà alla normalità, ma gradualmente. Non abbassiamo la guardia»

  • Pm10 alle stelle negli ultimi tre giorni a Padova e provincia: ecco le motivazioni

  • Rientra e trova la compagna esanime: stroncata in casa da un malore fatale

  • «Via libera alla vendita di piante e fiori»: boccata di ossigeno per 450 aziende padovane

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: altri anziani morti, a Padova 2,3 positivi ogni mille abitanti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento