menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Popolo della Famiglia attacca Renzi che vuole i voti dei cattolici: "Carnevale è finito"

Non usa mezzi termini il Circolo del Popolo della Famiglia di Padova nel commentare le parole di Matteo Renzi che chiede l’appoggio dei Cattolici al voto per il PD il prossimo 4 marzo

"Carnevale è finito!" Non usa mezzi termini il Circolo del Popolo della Famiglia di Padova nel commentare le parole di Matteo
Renzi che chiede l’appoggio dei Cattolici al voto per il PD il prossimo 4 marzo.

"Le leggi approvate"


Tutti i candidati Padovani del movimento politico, di ispirazione cristiana, fondato nel marzo 2016, all’indomani del Family Day, da Mario Adinolfi, Gianfranco Amato, e Nicola Di Matteo si dichiarano indignati dalle parole di Matteo Renzi alla disperata ricerca di consensi nell’area cattolica. «Forse Matteo Renzi si è dimenticato della legislatura appena conclusa, che ha stupito l’Italia per la mancanza totale di attenzione ai problemi della Famiglia, Vita ed Educazione. Dobbiamo ricordagli le leggi approvate a colpi di fiducia: legge Buona Scuola con l’introduzione del Gender nella scuola, legge Cirinnà, proposte di legalizzazione delle droghe, e non ultimo il biotestamento che non prevede obiezione di coscienza?» sottolineano i candidati PdF di Padova. «Abbiamo scritto ed esposto nei cartelloni e striscioni al Family Day “RENZI CI RICORDEREMO”.

"Renzi, quei tempi sono finiti"

"Non possiamo assolutamente credere alle parole di Renzi che cerca di raccattare voti dall’area cattolica. Quei tempi sono finiti nel momento in cui l’ex presidente del Consiglio si è messo prono ai diktat della cultura pro LGBT, nel momento in cui ha accettato l’alleanza con la Bonino, che propone il suicidio assistito come in Svizzera e si vanta dei numerosi aborti procurati come espressione estrema di una cultura anti-Vita.» proseguono dal Circolo di Padova. «Non sono questi i nostri valori, non sono questi i bisogni della Famiglia e dell’Italia. Mai potremo appoggiare una coalizione di sinistra che invece punta apertamente alla distruzione valoriale e morale della Famiglia e dell’Italia. Il nostro movimento, pone saldamente le sue radici sui valori della D.S.C (dottrina sociale della Chiesa): per questo abbiamo scelto una strada precisa, ben più faticosa, decidendo di non fare alleanze per qualche posizione di comodo. Puntiamo alla tutela della famiglia naturale fondata sul matrimonio così come previsto dall’art. 29 della carta costituzionale attraverso il quoziente famigliare, l’assegno di maternità ed una legislazione che tuteli le mamme lavoratrici, la salvaguardia della Vita dal concepimento alla morte naturale ed una reale libertà di scelta Educativa delle Famiglia senza imposizioni culturali ed ideologiche.» conclude il comunicato del Circolo di Padova del PdF «Il nostro Popolo è la Famiglia, perché se riparte la Famiglia, riparte il Paese! Caro Matteo, come vedi ci siamo ricordati.»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento