Popolo della famiglia: "No al gay pride, no all'ostentazione di nudità, no al patrocinio"

"Il Gay Pride è una iniziativa privata, che vuole invece propagandare uno stile di vita che non è condivisa dalla maggior parte dei cittadini padovani"

“Con grande dispiacere, leggiamo in queste ore la notizia del patrocinio di vari comuni, tra cui Padova, alla sfilata del gay pride regionale prevista il prossimo 30 giugno in città. Forse a molti esponenti della comunità LGBTIQ ed assessori di Padova questa nostra posizione risulterà antipatica etichettandoci con i soliti e ritriti appellativi di bigotti, medioevali ed omofobi” esordisce Maria Verita Boddi a nome del Circolo del Popolo della Famiglia di Padova, commentando le notizie apparse sui media locali. 

L'ostentazione

“È vero: queste ostentazioni folcloristiche non ci piacciono, e non crediamo facciano il bene della comunità omosessuale e tanto meno di una città, al punto da ricevere patrocinio e/o contributi economici - spiega Boddi -. Per aver concesso il patrocinio e/o finanziamenti a questa manifestazione, come Popolo della Famiglia desidero esprimere la nostra più viva contrarietà. La partecipazione o l’appoggio del Comune di Padova, sotto qualsiasi forma, deve essere concesso ad iniziative che supportino visioni costruttive della società, nazionale o locale, in particolare di promozione sociale e della famiglia. Il Gay Pride è una iniziativa privata, che vuole invece propagandare uno stile di vita che non è condivisa dalla maggior parte dei cittadini padovani. Se è stato previsto un contributo economico, sarebbe il caso di informare la cittadinanza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carnevale di nudità

Maria Verita Boddi del Circolo PdF Padova conclude: “Sinceramente dubitiamo che queste carnevalate con esibizioni di nudità e volgarità di linguaggio possano contribuire a superare i “presunti” pregiudizi verso gli omosessuali. A questi falsi miti di progresso come alla liberalizzazione di droghe, all’eutanasia, all’utero in affitto ribadiamo il nostro NO ed invitiamo tutti i padovani ad una bella gita fuori porta il 30 giugno prossimo, al mare o sui nostri bei colli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento a Padova e in Veneto: positive anche due sorelline di 3 e 6 anni

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Frodi fiscali nelle importazioni di auto usate: sequestrati beni per 2 milioni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento