menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sindaci padovani dell'Ulss 16 in Regione contro i tagli al sociale

La protesta oggi nella sede del consiglio Veneto. I primi cittadini hanno puntato i piedi contro la disparità nella distribuzione dei contributi e paventato lo spettro di dover ridurre ulteriormente la spesa destinata ai disabili

Una delegazione dei 29 sindaci del territorio dell'Ulss 16 di Padova, la più popolosa del Veneto con quasi 500 mila abitanti, è stata ricevuta oggi in Regione per protestare contro il taglio di 300 mila euro (su 1,3 milioni) al fondo per i servizi sociali. In particolare, a rimetterci ulteriormente stavolta sarebbero i servizi ai disabili.

I SINDACI PUNTANO I PIEDI. "Non siamo più in grado di sopperire ai tagli, né intendiamo gravare ulteriormente sulle tasche dei nostri cittadini - ha spiegato il sindaco di Maserà, Nicola De Paoli - L'Ulss di Padova riceve la quota sociale per abitante più bassa, appena 2,6 euro pro capite (a fronte di una media regionale di circa 4 euro). O la Regione rivede i criteri di distribuzione territoriale del fondo sociale, oppure i Comuni padovani dovranno tagliare ulteriormente i servizi a disabili, riducendo le ore di assistenza per l'integrazione scolastica, e saranno costretti a non approvare il bilancio dell'Ulss 16".

ERRORE DI RIPARTIZIONE E FORME DI COMPARTECIPAZIONE. "Purtroppo le risorse sono limitate e mancano certezze sulle assegnazioni statali - ha risposto il presidente del Consiglio regionale, Clodovaldo Ruffato - ma c'é l'impegno a correggere l'errore verificatosi nella ripartizione del fondo sociale tra i dieci comuni della Saccisica entrati nell'Ulss 16 e i tre comuni dell'Ulss 14 di Chioggia e ad affrontare, nei prossimi mesi, il riequilibrio dei criteri di ripartizione della spesa sociale tra le 22 Ulss del Veneto". L'assessore regionale al Sociale Remo Sernagiotto è tornato a ribadire la necessità di introdurre forme di compartecipazione alla spesa anche per i servizi ai disabili, proponendo un contributo di 9 euro al giorno per i servizi di vitto e trasporto dei Ceod.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento