rotate-mobile
Politica Sant'Osvaldo / Via Gasparino Barzizza

La rete anti sfratti chiama ancora in causa Giordani: «Requisisca le case Ater sfitte»

Intanto nella mattinata di giovedì un altro sfratto è stato sospeso e rinviato al 24 gennaio nell’attesa dell’assegnazione di un alloggio alla famiglia che rischiava di rimanere senza un tetto

Di buon mattino, gli attivisti dell?Unione Inquilini, Sportello Sociale di via Bajardi e Sportello Sociale Catai si sono dati appuntamento in via Barzizza. La rete anti sfratti si è mossa per«portare la solidarietà concreta a una famiglia, composta da genitori e figlio minore, sotto sfratto per morosità incolpevole», hanno spiegato. «Solidarietà necessaria per affermare, di fronte all?ufficiale giudiziario e alle tre pattuglie della polizia mandate a eseguire un?ordinanza del giudice che, nel momento in cui non è assicurata un?abitazione alternativa adeguata, viola la normativa sui diritti umani ratificata dal nostro Paese».

Casa colori

Lo sfratto è stato sospeso e rinviato al 24 gennaio nell?attesa dell?assegnazione di un alloggio alla famiglia. «In questo caso, il Comune di Padova ha proposto la Casa a colori, una stanza precaria, senza nessuna possibilità di intimità. Una soluzione che non ha nessuno dei requisiti ricordati dall?Alto Commissario ONU, e che ormai tutte le organizzazioni sociali e sindacali bollano come ?spacca-famiglie?. Le famiglie non possono attendere che i progetti di recupero di cui parla l?assessora alla casa diventino realtà, né accettare soluzioni che violano i diritti, la dignità e l?umanità».

Ater

Per la rete anti sfratti, chi deve fare la voce grossa con l'ente che gestisce l'edilizia abitativa cosiddetta popolare, è l'amministrazione comunale: «Ater Padova continua mantenere sfitti almeno 1.313 alloggi (bilancio 2021), di cui 500 in vendita, che il sindaco faccia semplicemente il suo dovere. Deve terminare la sudditanza nei confronti di un ente che si è dimostrato azienda della peggior specie, violando la sua missione sociale Come? Requisendo gli alloggi ATER sfitti, ritornando in possesso della loro gestione, assegnandoli alle famiglie che ne hanno bisogno e che sono disponibili anche ad autorecuperarli».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rete anti sfratti chiama ancora in causa Giordani: «Requisisca le case Ater sfitte»

PadovaOggi è in caricamento