Venerdì, 15 Ottobre 2021
Politica

Riaprono i cimiteri anche a Padova, ma le parole di Zaia irritano Palazzo Moroni

Sono già quasi tutti aperti i cimiteri della città, ma sabato 25 aprile lo saranno tutti. A garantirlo è l’assessora Benciolini, che però non ha affatto gradito le parole di Zaia sull'argomento

Sono già quasi tutti aperti i cimiteri della città, ma sabato 25 aprile lo saranno tutti. A garantirlo è l’assessora Francesca Benciolini, che raggiungiamo al telefono. 

Mano sul cuore

Non sono però molto piaciute le parole del Governatore Zaia durante il quotidiano appuntamento con la stampa delle 12 e 30 all’assessora Francesca Benciolini proprio riguardo la chiusura dei cimiteri e le responsabilità dei comuni: «Ci abbiamo tenuto a tenere aperti i cimiteri fino a quando è stato possibile. E mi ha fatto male sentire quella frase di Zaia in cui dice ci mettersi la mano sul cuore, noi la mano sul cuore ce la siamo messa sempre». Raggiunta al telefono, spiega: «Tenere aperti i cimiteri anche se non potevano essere frequentati era un valore simbolico come tenere aperte le chiese o i luoghi di culto anche se non potevano essere frequentati. Un modo per far sentire vicini i nostri defunti».

Chiusura

«La chiusura - prosegue l’assessora - è stata definita, in seguito a una circolare del ministero della salute, che chiedeva attraverso una ordinanza dei sindaci la chiusura dei cimiteri».

Zaia

Ha un tono insolitamente infastidito, l’assessora che è comunque sempre molto disponibile. Si sente dalle parole che sceglie che le parole che ha sentito pronunciate dal governatore in conferenza stampa che è leggermente infastidita. E’ più esplicito quando spiega cosa accade ora: «Oggi, in autonomia - lo sottolinea in modo che si percepisca che non è stato l’input di Zaia a dare questa svolta - firmiamo un’ordinanza per riaprire i cimiteri, come ha indicato anche il Presidente della Regione. Il sindaco ha così emanato un’altra ordinanza con la quale si ridefinisce la riapertura di tutti i cimiteri».

Collaborazione

«Dispiace - conclude prima di salutarci l’assessora Benciolini - che le dichiarazioni del Presidente della Regione, abbiano creato nei cittadini delle attese  senza che prima ci fosse un raccordo con le amministrazioni locali che si trovano a dover gestire queste attese anche con le difficoltà organizzative che queste attese presentano. Pensiamo che una maggiore collaborazione con i comuni renderebbe queste decisioni più praticabili e veramente pensate come servizio ai nostri cittadini».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riaprono i cimiteri anche a Padova, ma le parole di Zaia irritano Palazzo Moroni

PadovaOggi è in caricamento